Milan, Montella preoccupato dall’infotunio di Montolivo: “È quasi insostituibile. Fabregas? Non ha le sue caratteristiche”

MILAN MONTELLAMILAN MONTELLA – In attesa della ripresa del campionato e dunque dell’insidiosa trasferta contro il Chievo in programma domenica prossima, il tecnico del Milan, Vincenzo Montella, ha parlato del grave infortunio occorso a Riccardo Montolivo e di chi potrebbe prendere il suo posto in mezzo al campo, in un’intervista concessa ai microfoni del Corriere della Sera. Tanti i temi trattati dallo stesso Montella, andiamo a sintetizzarli nelle prossime righe attraverso quelle che sono state le sue dichiarazioni.

Così Montella racconta le piazze in cui ha allenato: “Il Catania era una società davvero ben strutturata ed è forse la città dove ho trovato maggiore educazione. Lì era permesso crescere e sbagliare, direi che è stato il mio trampolino. La Roma? Da allenatore è stata il mio primo amore. La Fiorentina? A Firenze ho affrontato la sfida più impegnativa che però è stata vinta da tutti. Sampdoria? Esperienza più difficile ma anche la più formativa“.

Su quanto peserà l’assenza di Montolivo: “Riccardo è un giocatore che garantisce le due fasi oltre ad essere un punto di riferimento per la squadra e lo spogliatoio, è quasi insostituibile. Locatelli? Mi sarebbe piaciuto farlo crescere più lentamente, ma ultimamente è entrato sempre nei momenti decisivi e ha fatto bene; per questo ha la mia massima fiducia“.

Su alcune indiscrezioni di mercato che vorrebbero Fabregas in rossonero: “In questo momento ci servirebbe avere a disposizione un giocatore capace di giocare anche in un centrocampo a due con le stesse caratteristiche di Montolivo, Fabregas non ha proprio quelle caratteristiche“.

Infine, un pensiero generico sulla carriera da calciatore e su quella da allenatore: “Quando sei un giocatore ti alleni e non è detto che tu sia sempre concentrato; da allenatore ritengo che la parte più divertente sia il ritiro pre campionato perché si può lavorare senza l’assillo del risultato“.