Lotta all’Europa League, il Milan rischia l’ennesima bocciatura: Lazio e Inter sperano, Atalanta outsider

highlights milan-genoa 1-0LOTTA ALL’EUROPA LEAGUE, IL MILAN PECCA DI MATURITA’ E L’INTER SPERA. LAZIO E ATALANTA SOGNANO- Si ferma forse definitivamente la corsa del Milan ad un posto utile per la qualificazione all’Europa League. I rossoneri col brutto pareggio di Pescara dicono addio alle ultime speranze di qualificarsi al prossimo torneo e per il quarto anno consecutivo rischiano di rimanere fuori dall’Europa. Benché non siano molti i punti che separano la squadra di Montella dalle posizioni che valgono la qualificazione (la Lazio quarta dista 6 lunghezze, l’Atalanta quinta 4), quello che non fa sperare è la mancanza di maturità della truppa di Montella.

Il Milan è capace di alternare grandi partite (più per tenacia e spirito che tecnicamente) a clamorosi passaggi a vuoto. La partita di Pescara denota questo handicap per i rossoneri che per di più devono confrontarsi con una concorrenza che in questo momento non presenta punti deboli. La Lazio e l’Atalanta infatti corrono spedite e quasi a braccetto (con i biancocelesti che guardano anche al terzo posto), l’Inter è impegnata stasera in casa contro la Samp ma i neroazzurri, anche se potenzialmente appaiati all’Atalanta, non possono più permettersi passi falsi.

Insomma le tre pretendenti all’Europa League sembrano avere qualcosa in più di questo Milan che, nel momento clou della stagione, viene tradito anche da Donnarumma. Diverso il discorso per l’Inter: Pioli ha rimesso in carreggiata i neroazzurri dopo l’avvio disastroso con De Boer ma proprio la partenza ad handicap non lascia più margine d’errore. Clamorosa la rimonta che ha visto protagonista l’Inter che stasera ha l’occasione di tenere botta alle vittorie di Lazio ed Atalanta; Pioli sa però che la sua squadra deve viaggiare sempre a mille per non incappare in prestazioni (e risultati) come quello di Torino prima della sosta.

Potenzialmente l’Inter è la squadra che ha le maggiori capacità per finire davanti a Lazio ed Atalanta (almeno sulla carta); le due rivali però viaggiano sulle ali dell’entusiasmo e saranno decisive le ultime gare di campionato per decretare chi andrà o meno direttamente in Europa League. I neroazzurri infatti vogliono assolutamente evitare di occupare l’ultimo posto utile per la qualificazione: questo significherebbe infatti preliminare già a inizio agosto e stagione quasi “compromessa” da un precoce inizio di preparazione.

Insomma in un campionato che sembra non aver più niente da dire per quanto riguarda le prime due posizioni e le ultime 3 la lotta all’Europa League (e terzo posto, domenica c’è Lazio-Napoli) saranno decisive le ultime 3-4 partite della stagione.