Cavani torna Matador: doppietta ma rischia una lunga squalifica

cavani manchester united squalifica
Cavani (Getty Images)

Edinson Cavani protagonista del successo del Manchster United contro il Southampton ma ora rischia una lunga squalifica

Nel segno del Matador. Il Manchester United trova il bomber uruguaiano: c’è la firma di Cavani nel successo dei Red Devils sul campo del Southampton per 3-2. Una vittoria nata nei minuti finali dopo l’ingresso in campo dell’ex Napoli e Paris Saint-Germain all’intervallo con i Saints avanti 2-0. Il Matador però trascina la squadra di Solskjaer fuori dai guai.

Prima l’assist per la rete di Bruno Fernandes che riapre il match, poi diventa protagonista in prima persona con il gol del pareggio. Nei minuti di recupero arriva il colpo di testa che regala i tre punti allo United. Giornata di festa per Cavani che potrebbe però vedersi rovinato il momento di felicità. Tutta colpa dei social con il Matador che potrebbe vedersi comminare una squalifica di tre giornate.

LEGGI ANCHE >>> Icardi ha fatto arrabbiare tutti nel ricordo di Maradona

cavani squalifica
Cavani (Getty Images)

Cavani a rischio squalifica per un post ‘razzista’

I guai di Cavani nascono nell’esultanza post match anche sui social. L’uruguaiano risponde ad un tifoso che gli faceva i complimenti: “Asi te queiro Matador” (“Ti amo, Matador”) il messaggio rivolto al calciatore. Il bomber sulla storia risponde con: “Gracias Negrito”. Ed è proprio l’ultima parola che farà scattare l’indagine della FA, molto dura nel contestare i comportamenti discriminatori. Ne sa qualcora Suarez che per aver rivolto in campo la stessa parola ad Evra si è visto squalificare per otto giornate.

Le normative del calcio inglese parlano di almeno tre giornate di squalifica davanti a comportamenti discriminatori che arrivano per iscritto o tramite qualsiasi altro mezzo di comunicazione. Lo United non commenta, anche se fa sapere che il termine è stato utilizzato in un evidente contesto affettivo: basterà per evitare la sanzione per Cavani?

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE:

La risposta del Barcellona alla crisi: tagliati 172 milioni

Ibrahimovic, Lukaku, Ronaldo: l’assenza dei big ‘vale’ lo Scudetto