Messi, Napoli nel destino: il retroscena di un sogno maradoniano

messi napoli
L'esultanza di Messi dedicata a Maradona (Getty Images)

Kevin-Prince Boateng ha suggerito Napoli a Messi: i retroscena di un sogno che ha nel destino Diego Armando Maradona

“Vai al Napoli, non pensare ai soldi, scegli con il cuore”. Kevin-Prince Boateng, ex compagno di squadra di Lionel Messi, ha invitato il fuoriclasse argentino a spiazzare tutti. Il contratto con il Barcellona è in scadenza, l’addio sembra scontato e gli sceicchi si danno già battaglia: Manchester City e Paris Saint-Germain le squadre che si stanno già sfidando a colpi di milioni di euro per accaparrarsi il numero 10 argentino. I soldi delle due potenze del calcio europeo per il nuovo inizio di Messi. Questioni economiche queste, non di cuore: perché se la scelta della ‘Pulce’ dovesse essere fatta con i sentimenti, allora non c’è altro posto che Napoli.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

messi maradona napoli
L’omaggio di Messi a Maradona (Getty Images)

Messi, gli amici lo vogliono al Napoli

Lì dove i suoi amici lo vorrebbero vedere per far compiere il destino: Messi come Maradona per dimostrare che può vincere anche lui lì dove solo il Pibe de Oro c’è riuscito. Messi come Maradona inseguendo un sogno o forse il destino. Del resto la morte del Diez lo ha segnato: il 10 blaugrana ha deciso di infischiarsene di regole e sponsor mostrando la maglia del Newell’s Old Boys in omaggio all’indimenticato campione.

“Sarebbe un messaggio per tutto il mondo” ha detto Boateng immaginando un fiume di persone in attesa di Messi soltanto per vederlo agli allenamenti. Una città ai suoi piedi, senza pensare ai soldi per una volta. Tornando bambino e facendo felice i bambini: Messi al Napoli sarebbe il compimento del destino, la ‘Pulce’ potrebbe tornare il ragazzino di 13 anni che se ne infischiava di tutto e li dribblava come birilli con il sorriso sulle labbra.

LEGGI ANCHE >>> Napoli, Osimhen è ‘sparito’: quando tornerà in campo

Messi in azzurro potrebbe tornare a giocare divertendosi, lasciando da parte il broncio degli ultimi mesi, mettere in campo il cuore in un mondo dove comandano i soldi. Gli stessi che chiamano Messi a Manchester o Parigi. Ma che storia sarebbe vederlo con la 10 azzurra allo stadio ‘Diego Armando Maradona’.