Juve, se torna anche lui manca solo Allegri

allegri premier
Massimiliano Allegri (Getty Images)

Per la Juventus è l’anno dei ritorni: i bianconeri sono pronti a riabbracciare un altro ex bianconero. E se il prossimo fosse Allegri?

Forse è la nostalgia canaglia o semplicemente il gusto di andare sul sicuro. La Juventus che guarda al futuro pensa anche al passato per diventare più forte o almeno provarci. Ricordate la rosa della stagione 2014/15, quella della finale di Champions League persa contro il Barcellona? Dopo essersi sciolta, lentamente si sta ricomponendo. La Juve è partita da Pirlo: lo aveva salutato da regista, lo ha ritrovato in giacca e cravatta da allenatore. Una suggestione per rimpiazzare Sarri, una scelta azzardata che il campo al momento, nei suoi giudizi, ha rimandato. Il secondo ritorno è stato quello di Alvaro Morata, lui che aveva segnato il gol dell’1-1 in finale. La Juve lo ha scelto dopo aver rinunciato, in serie, a Milik, Cavani e, soprattutto, Suarez. Trattativa lampo con l’Atletico Madrid e ritorno in bianconero per un innamorato dell’Italia.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

llorente juve
Llorente (Getty Images)

Juventus, pronto un altro ritorno?

Ora radiomercato racconta di un nuovo riavvicinamento, quello tra la Juventus e Fernando Llorente, il basco dagli occhi di ghiaccio che ha vestito la maglia dei bianconeri dal 2013 al 2015. Il Napoli lo libera a zero e lui sarebbe felice di tornare alla Juventus, pur sapendo che avrà un ruolo marginale, sarà il vice Morata e dunque una costante riserva. Si deciderà tutto, nel caso, dopo la Supercoppa Italiana del 20 gennaio.

LEGGI ANCHE >>> Milan, Scamacca in pole come vice Ibra: c’è anche una sorpresa

Pirlo, Morata, Llorente. Chi altro? Forse Pogba. Un altro ritorno possibile, secondo i rumors. Il francese lascerà lo United e volentieri tornerebbe alla Juve. Magari il prossimo sarà anche Max Allegri. Un azzardo, dato che in panchina c’è Pirlo. Ma il suo futuro non è poi così solido e quello di Allegri resta enigmatico, senza panchina e con tanta voglia di ripartire. E poi la Juve adora i ritorni.