Il calcio giovanile verso la ripartenza, c’è il primo step della FIGC

Figc, Gravina
Figc, Gravina - GettyImages

Il calcio italiano si prepara a ridare slancio a tutto il sistema delle giovanili, il primo step è stato confermato dalla FIGC. 

Il calcio italiano sta ancora affrontando, come tutto il mondo, l’emergenza Coronavirus. L’impatto avuto dalla crisi economica derivante da quella sanitaria è considerevole, al punto da mettere alla stretta tutti i club di Serie A, costringendoli ad un mercato povero di liquidità e per il quale saranno necessarie tante idee ed operazioni di fantasia.

Ma ancora più dei club sul tetto del calcio nostrano, quelli che stanno soffrendo profondamente la crisi sono sicuramente le categorie minori ed in particolare quelle giovanili. Al momento tutto è fermo, nella speranza che il mese di marzo (come già ipotizzato) possa essere quello della ripartenza per i più giovani.

Il sistema non può ovviamente sostenersi ancora a lungo, senza che una fetta importante della torta, rappresentato appunto dalla categorie giovanili, resti ancora con i motori spenti. Qualcosa, però, pare si stia muovendo, proprio per aprire già le porte ad uno start in primavera.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Campionati giovanili, il primo step verso la ripartenza

In queste ore, infatti, è emersa una notizia che ovviamente fa da sponda a quanto detto appena sopra, ovvero la ripartenza delle competizioni giovanili. Sono state autorizzate, infatti, le amichevoli nei campionati dagli Under 18 in giù.

Il tutto è stato confermato attraverso un comunicato diramato dalla FIGC, dove si conferma a chiare lettere l’autorizzazione ai “test match”. Notizia di rilievo per i tanti giovani fermi da ormai troppo tempo e che non vedono l’ora di tornare in campo.

LEGGI ANCHE >>> La Juventus non molla Scamacca, la conferma di Paratici

Comincerà cosi una fase di testing (come anticipato già da SerieANews), che servirà a capire quanto è consistente la circolazione del virus all’interno del contesto. Da qui, poi, servirà andare avanti a passo spedito, nella speranza che la Pandemia possa perdere vigore da qui ai prossimi mesi.