Pioli ammette la sconfitta: “Usciamo a testa bassa”

Pioli a testa bassa
Pioli (Getty Images)

Il Milan di Stefano Pioli esce sconfitto dallo stadio Picco dopo il match contro lo Spezia di Vincenzo Italiano: decisivi Maggiore e Bastoni.

Il Milan di Stefano Pioli perde il match contro lo Spezia di Vincenzo Italiano per 2-0. Decisive le reti di Maggiore e Bastoni nella seconda frazione di gioco. Lo Spezia asfalta i rossoneri che restano primi in classifica generale, in attesa del match di domani sera tra Inter e Lazio. I nerazzurri di Antonio Conte hanno l’occasione di superare i cugini e posizionarsi al primo posto in classifica generale di Serie A 2020/2021.

Vincenzo Italiano e Stefano Pioli in posa
Italiano e Pioli (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Pioli nel post gara

Stefano Pioli ha analizzato il match contro lo Spezia. Nel post gara è intervenuto ai microfoni di DAZN: “Servirà una reazione, sicuramente lo faremo. Lo Spezia di Italiano ha vinto in maniera meritata. Questa è la prima sconfitta che meritiamo davvero. Ci abbiamo messo davvero troppa poca intensità e troppa poca qualità. E’ stata una brutta serata ma ci rialzeremo. Ripartiremo come abbiamo sempre fatto. Oggi è mancata cattiveria, non siamo in grado di vincere le gare sporche. Oggi non siamo riusciti a puntare su ritmo e qualità, siamo stati poco determinati. Le mie scelte non hanno funzionato, è stata la classica giornata storta. Dobbiamo ripartire, noi non siamo questi qua”.

Come sta Rebic

Rebic? Ante ha avuto un trauma. Ha avuto una mezza distorsione che non gli ha permesso di scendere in campo. Non dovrebbe essere nulla di particolarmente grave. Spero di averlo a disposizione già per giovedì”.

Su Ibrahimovic

“Cosa ha detto Ibrahimovic nello spogliatoio? C’era troppa delusione dopo il match. E’ giusto che sia così ed è giusto uscire a testa bassa da questo campo. Nessuno ha parlato nello spogliatoio, eravamo tutti delusi dalla nostra prestazione”.

LEGGI ANCHE >>> Lo Spezia asfalta il Milan: i rossoneri crollano, primo posto a rischio