“Pirlo da dimissioni”, reazioni furiose al ko della Juve

Pirlo a testa bassa
Pirlo Juventus (GettyImages)

La Juventus perde 2-1 il match d’andata degli ottavi di finale di Champions League e su Twitter i tifosi si scatenano contro Pirlo. 

Non è chiaramente un segreto che la Juventus punti a tornare grande in Europa vincendo il trofeo più ambito, ma il cammino nelle fasi finali non sembra cominciare nel migliore dei modi. I bianconeri hanno sfidato il Porto e i lusitani in casa hanno avuto la meglio, imponendosi con un netto 2-1. La strada, in vista del ritorno, si mette in salita sebbene gli uomini di Pirlo giocheranno tra le mura amiche la bella per la qualificazione ai quarti.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

I tifosi delusi da Porto-Juventus chiedono le dimissioni di Pirlo

Pirlo richiama la squadra
Pirlo Juventus (GettyImages)

Ad amareggiare i sostenitori bianconeri nella serata di Champions League è stata la prestazione, oltre che il risultato in sé. La prima rete nasce da un grossolano errore di Bentancur nei pressi dell’area di rigore, favorendo così Taremi appena al 2′ di gioco. La seconda rete, invece, è un assist di Manafa che al 46′ serve Marega, sul quale la difesa juventina appare distratta e impreparata. Chiesa tenta di riaprire all’82’ con la sua personalissima rete, ma è soltanto il gol della bandiera.

LEGGI ANCHE >>> Porto-Juventus: segui la partita LIVE 

Il match, insomma, secondo il parere dei tifosi non è stato preparato nel migliore dei modi e il responsabile chiaramente è sempre l’allenatore. Su Twitter si scatenano le opinioni: “Pirlo non trasmette né grinta né entusiasmo ai giocatori…”, “Imbarazzo totale. No gioco, no movimento. Considerando gli ultimi tre anni, mi pare chiaro che a prescindere dalle colpe di Pirlo, vada fatta una sostaziale rifondazione. Alcuni giocatori non sono più da Juve, non hanno più voglia. Vadano”. Insomma, sono questi alcuni dei pareri: i tifosi vogliono che sia l’allenatore a fare un passo indietro e a riconoscere di non aver saputo dare l’ossatura giusta alla squadra, dopo ormai diversi mesi al comando tecnico.