Quanti abbonamenti serviranno per vedere Serie A e coppe europee

Pallone Serie A
Il pallone della Serie A (Getty Images)

Il prossimo anno un tifoso italiano dovrà sottoscrivere diversi abbonamenti per non perdersi neppure una partita tra Serie A e Champions

La svolta per i diritti tv della Serie A per il triennio 2021-2024, con Dazn che ha battuto Sky, sta confondendo gli utenti, i tifosi, gli appassionati di calcio. La domanda ricorrente è la seguente: quanti abbonamenti bisognerà sottoscrivere per non perdersi neppure una partita? Tanti. Col rischio concreto di dover spendere una cifra superiore a quella attuale per vedere tutte le competizioni.

Al momento, l’unica certezza è che la Serie A sarà su Dazn, che trasmetterà in esclusiva 7 partite e in co-esclusiva altre 3. Co-esclusiva nel senso che, queste 3 partite, tra le quali è compreso anche l’anticipo del sabato, saranno visibili anche altrove, su Sky o su Mediaset (la lotta è aperta, lunedì la decisione in base all’offerta). Dunque, bisognerà abbonarsi a Dazn (i prezzi, ovviamente, aumenteranno) per guardare tutte le partite di Serie A.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Pallone della Champions League
Pallone Champions League (GettyImages)

Serie A e Champions: quali abbonamenti sottoscrivere

La Champions League, invece, per il prossimo triennio sarà ancora su Sky Sport, che detiene anche i diritti dell’Europa League e dell’inedita Europa Conference League. Dunque, oltre all’abbonamento a Dazn per la Serie A, l’utente italiano dovrà comunque conservare l’attuale legame che ha con la piattaforma satellitare per le sfide europee della sua squadra del cuore.

LEGGI ANCHE >>> Svolta per la Serie A: il prossimo triennio si vedrà su Dazn

Doppio abbonamenti dai costi elevati. Da capire quali saranno le modifiche di listino per Sky: la perdita delle sfide di campionato, prima volta da quando è nato, costringerà i vertici aziendali a una possibile e probabile riduzione della mensilità. Ma per le cifre bisognerà attendere. La Coppa Italia, invece, resta sulla Rai. Alle spese si aggiunge anche il canone annuale della tv di stato.