“Crediamo allo scudetto”, il Milan non molla il sogno tricolore

Tomori Milan scudetto Maldini
Fikayo Tomori (Getty Images)

Il difensore del Milan Fikayo Tomori si è raccontato in una lunga intervista alla “Gazzetta dello Sport”, toccando tanti argomenti e viaggiando dalla lotta scudetto al suo futuro.

Il Milan non molla il sogno tricolore, in tutte le interviste filtra la voglia di credere alla grande rimonta, come se il più realistico obiettivo Champions fosse più raggiungibile proprio mirando al massimo.

Per una squadra che è stata per tanti mesi prima in classifica, mantenere la testa su quell’obiettivo genera entusiasmo, forza morale, le qualità necessarie per andare oltre se stessi.

Tomori ne ha parlato così: “La distanza dall’Inter è grande, però, non vedo perchè non dovremmo crederci fino alla fine. Tornare in Champions è un traguardo eccellente ma da giocatori dobbiamo pensare al bersaglio grosso e noi sappiamo che possiamo fare qualcosa di speciale”

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Tomori Milan scudetto Champions League
Tomori (Getty Images)

“Maldini è come Messi, voglio impressionarlo”

Tomori ha speso anche parole importanti per Paolo Maldini, il direttore dell’area tecnica che ha voluto puntare su di lui nello scorso mercato di gennaio. “Avere Maldini come capo dell’area tecnica è come per un attaccante avere Messi, punto ad impressionarlo tutti i giorni”.

L’impatto che ha avuto Ibrahimovic anche fuori dal campo è importante al Milan, lo confermano anche le parole di Tomori: “Ci motiva e ci parla tantissimo, è un esempio di dedizione e di carica agonistica”

LEGGI ANCHE >>> Milan, rebus Donnarumma: il retroscena sul futuro

Il difensore di proprietà del Chelsea non si è sbilanciato sul suo futuro: “Non sapevo che i tifosi avessero lanciato un’iniziativa di crownfunding per me, mia madre guarda sui social ed è orgogliosa, ne sono felice. Non decido, però, solo io se resto o vado via. Mi godo l’attimo, a Milano sto bene, al futuro non ci penso. L’Inghilterra è un paese molto bello per giocare a calcio ma l’Italia rappresenta un’opportunità unica”.

Tomori distribuisce parole ricche di saggezza ed equilibrio, del resto sta conciliando il calcio con il percorso di studi, puntando a laurearsi in Business Management: “Si, mi piace. Un anno fa ho pensato di utilizzare al meglio il tempo durante il lockdown, provando ad accelerare il percorso di studi”.