Caos Covid in Serie A, la Roma va in bolla

La Roma per la foto di rito
Roma (GettyImages)

Decisione drastica per la Roma di Paulo Fonseca, tutto in seguito al caos Covid esploso dopo la sosta delle nazionali.

La Serie A è in pieno caos Covid. Dopo il presunto focolaio esploso nella nazionale italiana, con quattro tesserati positivi, e successivamente il contagio emerso di Leonardo Bonucci, tutte le squadre al momento sono preoccupate per quelle che potrebbero essere le ripercussioni all’interno dei club. La situazione, per la verità, non riguarda soltanto la compagine italiana.

C’è una situazione delicata anche in casa Napoli, dove Zielinski è tornato dopo essere stato a contatto con un mini focolaio all’interno della Polonia. Al ritorno a Capodochino, tampone rapido passa abbia dato esito positivo, per poi mostrarsi negativo in un secondo controllo antigenico. Servirà, dunque, il responso definitivo del tampone molecolare per capire se effettivamente il giocatore sia stato contagiato.

Sarebbe, tra l’altro, un caso particolare quello di Zielinski. Il centrocampista azzurro, infatti, già lo scorso autunno andò incontro al contagio da Coronavirus. Sono passati appena sei mesi, ed ovviamente tornare positivo sarebbe un caso particolare. Possibile, certo, che il polacco sia entrato in contatto con una delle varianti, ma ovviamente è ancora presto per dirlo.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

fonseca
Paulo Fonseca (Getty Images)

Caos Covid in Serie A, la Roma va in bolla

Insomma, una situazione molto tesa nel campionato italiano dopo il giro delle nazionale in lungo ed in largo per tutto il mondo. La Roma, proprio per arginare la situazione e seguire le direttive sanitarie, è di fatto andata in bolla.

La squadra giallorossa – come riporta Sky Sport – aveva ben quattro giocatori che sono stati con la nazionale italiana (Pellegrini, Mancini, El Shaarawy e Spinazzola) più Dzeko con la Bosnia. Proprio su indicazioni da parte delle autorità sanitarie, la squadra di Fonseca resterà nella bolla casa-centro sportivo per due settimane.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, i dieci migliori giocatori di marzo: CR7 di nuovo fuori! | ANews

L’obiettivo, ovviamente, è quello di monitorare costantemente la situazione ed evitare che la situazione possa sfuggire di mano, soprattutto se dovessero emergere dei casi di positività al Covid-19.