Juve-Napoli, perché gioca Buffon? La spiegazione di Paratici

Paratici con la mascherina
Fabio Paratici (Getty Images)

Fabio Paratici ha spiegato il motivo dell’esclusione di Szczesny dalla formazione titolare per la gara contro il Napoli di Gennaro Gattuso.

Fabio Paratici è intervenuto ai microfoni di ‘Sky Sport’ nel pre gara di Juventus-Napoli. Ecco quanto dichiarato ai microfoni dell’emittente satellitare: “Buffon in campo? Avrebbe dovuto giocare Gigi già col Torino. Ieri il mister, post conferenza. ha parlato con Szczesny e di comune accordo hanno deciso di avere un turno di riposo. Valore di questa partita? Ne mancano altre dieci, sono tutte molto importanti. Questa vale come le altre. Tutte le gare hanno un certo peso. Le pressioni? Siamo da undici anni a questo livello, abbiamo pressione da sempre, quando vinciamo i titoli figuriamoci quando le cose non vanno come previsto. Lo stesso vale per Pirlo che le ha sempre gestite con carattere e capacità”.

Buffon in campo
Gianluigi Buffon (Getty Images)

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Paratici sulla Champions League

“Fuori dalle prime quattro? Pensiamo positivo, cerchiamo di portare sempre a casa i tre punti. Per noi è una non ipotesi arrivare fuori dalla zona Champions League. Quando sono arrivato qui avevamo Bonucci, Barzagli e Chiellini e tutti mi chiedevano di comprare difensore. Migliori di loro c’erano forse solo Sergio Ramos e Pique. Sono stati tra i difensori migliori al mondo. I calciatori di questa rosa sono bravi e competitivi. McKennie in questo momento è stato tra le rivelazioni del campionato. Queste sono stagioni un po’ strane, non è un alibi. Dobbiamo metterci tutti in discussione e fare le giuste valutazioni per quanto riguarda i singoli calciatori”.

Sull’Inter

“L’Inter è partita con lo stesso tecnico, con lo stesso sistema di gioco. Antonio Conte è un martello, questo è stato un vantaggio molto grande per loro. Solo noi tra le prime abbiamo cambiato allenatore, non abbiamo fatto precampionato. Ci vuole qualche tempo in più. Abbiamo giocato diciotto gare in un mese e mezzo. Questi sono elementi per cui si possono fare tante analisi. Questa stagione è molto più difficile da analizzare rispetto alle altre”.

LEGGI ANCHE >>> DIRETTA Juventus-Napoli: segui la partita LIVE

Poi prosegue: “Noi ci mettiamo sempre in discussione, anche quando vincevamo. Tutti sanno bene quanta autocritica severa ci facciamo da soli. Dobbiamo lavorare per migliorarci, come abbiamo fatto ogni anno. Lo vedremo alla fine della stagione, quando ne parleremo con l’allenatore. Ragionamenti su Allegri? In questo momento pensiamo a lavorare ed a fare il meglio. Non c’è nessun ragionamento che va al di là delle partite. Il resto lascia il tempo che trova”.