lunedì , 17 Maggio , 2021, 5:10
Home Calcio Estero Dalla catena di alberghi al nome sulla Torre Eiffel: il folle accordo...

Dalla catena di alberghi al nome sulla Torre Eiffel: il folle accordo tra Neymar e il PSG

Neymar e Al-Khelaifi nel giorno della presentazione del brasiliano al PSG
Neymar e Al-Khelaifi (GettyImages)
L’ex agente di Neymar ha rivelato alcuni dettagli sull’offerta folle che il presidente del PSG fece a Neymar per convincere il brasiliano a trasferirsi a Parigi.
Tanti, troppi segreti e follie si celano dietro il mondo sinistro e affascinante del calciomercato. L’avvento degli sceicchi, poi, ha segnato un’epoca e cambiato probabilmente per sempre le prospettive dei trasferimenti. Grandi nomi si sono mossi nell’ultimo decennio e dietro di loro una serie di affari e interessi che vanno al di là del calcio. É successo per esempio al brasiliano Neymar, quando il PSG si è presentato alla sua porta per sottrarlo al Barcellona. L’ex agente del giocatore, Wagner Ribeiro, ha rilasciato una dettagli intervista a L’Equipe, in occasione della quale ha raccontato dei primi tentativi dello sceicco Nasser Al-Khelaifi per portare O’Ney a Parigi.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

La folle offerta dello sceicco del PSG per convincere Neymar, il racconto dell’ex agente

Neymar nel giorno della presentazione col PSG
Neymar, PSG (GettyImages)
L’affare venne perfezionato nel 2017 per la complessiva cifra di 222 milioni di euro, ma tutto ebbe inizio un anno prima: “Ci vedemmo nell’estate del 2016 a Ibiza io, Neymar, suo padre e Al-Khelaifi con Oliver Letang, allora direttore sportivo dei francesi. Ci vedemmo all’ultimo piano di un hotel di nascosto. Nessuno ha potuto scattare foto e parlammo. Il presidente offrì qualcosa di magnifico. Neymar al Barcellona guadagnava 11 milioni di euro all’anno, lui gliene propose 26 milioni di euro. Io ne ho chiesti 40! Lui rispose che avrebbe studiato la questione e che avrebbe potuto dargli una parte sotto forma di catena alberghiera a suo nome – su cui avrebbe avuto una percentuale -, ma anche un jet privato per fare i viaggi tra Europa e Brasile, e che avrebbe messo il suo nome sulla Torre Eiffel”.
Una proposta assolutamente fuori controllo, ma ancora così Neymar non voleva lasciare il Barça per andare a Parigi e infatti il padre del giocatore, spiega l’ex agente, approfittò dell’offerta del PSG per convincere i blaugrana ad aumentargli lo stipendio, che arrivò a 28 milioni di euro annui. Tuttavia, nel 2017 l’affare si concluse: “Neymar non poteva più rifiutare. Il Psg ha pagato al Barça quella cifra e gli ha offerto uno stipendio netto di 36 milioni di euro all’anno. È impossibile rifiutare un’offerta del genere”.