Parla Ceferin: arriva un’altra frecciata a Juve, Real e Barcellona

Ceferin parla con Florentino Perez
Florentino Perez e Ceferin (Getty Images)

Ceferin ha commentato l’accordo tra i nove club e l’Uefa per la rinuncia al progetto Superlega, punzecchiando anche Juve, Real e Barcellona

La costituzione della Superlega ha sollevato una vera e propria protesta da parte di tanti tifosi. Molti sostenitori sono scesi in strada per protestare, o hanno invaso il campo all’Old Trafford,  contro questo progetto. Dopo la decisione dei club inglesi di lasciare, il concetto Superlega si è arrestato dopo solo due giorni.

In giornata è giunto l’annuncio dell’Uefa del reintegro di nove club fondatori della Superlega, escluse Juve, Real e Barcellona,  con una sorta di statuto. Aleksander Ceferin, presidente dell’Uefa, ha commentato così il comunicato diramato oggi: “I nove club reintegrati, così come ho detto due settimane fa al Congresso Uefa, hanno ammesso di aver commesso un errore”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Ceferin, Paratici e Nedved con mascherina
Agnelli, Paratici e Nedved (Getty Images)

La frecciata di Ceferin

Ceferin ha poi continuato: “L’UEFA ha accettato la loro intenzione e desiderio di riparare al danno fatto, mettendosi così tutto alle spalle e proseguire con uno spirito positivo. Le decisioni prese sono molto significativ , ma nessuna delle misure prese sarà trattenuta dall’Uefa. Tutte le risorse che otterremo saranno reinvestite nei settori giovanili e di base nella comunità, compresa quella del Regno Unito, di tutta Europa“.

LEGGI ANCHE >>> Juve fuori dalla Champions: arriva un’altra minaccia di Ceferin

Il dirigente sloveno ha poi concluso, punzecchiando anche Juventus, Real Madrid e Barcellona: “Queste società hanno riconosciuto il proprio errore in maniera celere e hanno preso decisioni che confermano il loro futuro impegno nel calcio europeo. Cosa che non è stata fatta per le squadre che sono rimaste nella cosiddetta ‘Superlega’. Le trattative tra l’Uefa e questi tre club avranno luogo successivamente”.