Coppa Italia, la cronaca di Atalanta-Juventus 1-2

Chiellini carica i compagni
Juventus (Getty Images)

Alle ore 21 si scende in campo per la finale di Coppa Italia. Si sfidano al Mapei Stadium l’Atalanta di Gasperini e la Juventus di Pirlo.

Una serata per cambiare una stagione. Quella tra Atalanta e Juventus è una finale da osservare attentamente, soprattutto per cogliere le sfumature di una sfida che potrebbe sancire il fallimento da una parte o anche la grande bellezza dall’altra. La Juventus proverà a salvare la stagione proprio contro la Dea.

Si, perché vincere stasera darebbe modo ad Andrea Pirlo di portare un trofeo a casa e rendere meno pesante (qualora succedesse) il ma mancato accesso alla Champions League. Chiaramente c’è l’ultima partita da giocare ma molto dipende anche da Milan e Napoli. E cosi per bianconeri diventa davvero decisiva la sfida di stasera, soprattutto per i tifosi bianconeri e gli umori a terra dopo una stagione tremendamente deludente. Dall’altra parte l’Atalanta in campionato ha raggiunto nuovamente la Champions League.

Vincere oggi vorrebbe dire mettere la ciliegina su una torta straordinaria, dove Gasperini è riuscito a trascinare i suoi a risultati importanti. La vittoria della Coppa Italia (per di più contro la Juventus) coronerebbe un successo sudato e frutto di anni di lavoro molto intensi.

Insomma, se l’Atalanta in campionato ha già raggiunto un traguardo importante con la conquista di uno dei primi quattro posti, per la Juventus è ancora tutto da giocare e la Coppa Italia rappresenta una sorta di “scappatoia” da quello che potrebbe diventare un finale di stagione pregno di critiche.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Atalanta-Juventus, le formazioni ufficiali

ATALANTA (3-4-1-2): Gollini; Toloi, Romero, Palomino; Hateboer, De Roon, Freuler, Gosens; Pessina; Malinovskyi, Zapata. Allenatore: Gasperini.

LEGGI ANCHE >>> Atalanta-Juventus, il clima si infiamma: frecciata di Freuler ai bianconeri

JUVENTUS (4-4-2): Buffon; Cuadrado, De Ligt, Chiellini, Danilo; McKennie, Bentancur, Rabiot, Chiesa; Kulusevski, Ronaldo. Allenatore: Pirlo.