Paratici ‘chiama’ Marotta, due big nel mirino del Tottenham

Fabio Paratici in campo
Fabio Paratici (Getty Images)

Fabio Paratici di fatto sta già lavorando al mercato del Tottenham, dove dovrebbe approdare nelle prossime ore. 

Secondo i media inglesi, l’era di Fabio Paratici in casa Tottenham sarebbe di fatto già cominciata. Una nuova avventura per l’ormai ex dirigente della Juventus, che è pronto fin da subito a rimettersi in pista, cercando di sfruttare anche tutto quello che è stato appreso nei tanti anni in bianconero. E cosi, secondo le fonti che arrivano da oltremanica, Paratici non solo sarà il nuovo ds degli spurs, ma starebbe anche già lavorando a quella che sarà la prossima sessione di mercato.

Il Tottenham, dopo il settimo posto della stagione appena conclusa, ha bisogno di rimettere in piedi una macchina importante, in grado di viaggiare fin fa subito a grandi velocità. Ecco perchè il mercato rappresenta di sicuro una delle chiavi di volta che serviranno al club. Gestire le risorse già a disposizione ma anche cercare di cogliere le occasioni.

E cosi Paratici guarda proprio a casa sua, l’Italia, per provare a tirare fuori qualche coniglio dal cilindro, sfruttando evidentemente anche i rapporti costruiti negli anni alla Juventus. E cosi si proverà a pescare proprio in casa Inter.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Marotta con l'Inter
Beppe Marotta, Inter (Getty Images)

Paratici pesca in casa Inter per il Tottenham

E cosi ancora dall’Inghilterra arrivano notizie riguardanti il prossimo mercato del Tottenham, con Fabio Paratici al timone. Sembra che l’ex dirigente della Vecchia Signora abbia intenzione di bussare alla porta dell’Inter di Zhang, e sarebbero ben due i nomi sui quali si starebbe già lavorando.

LEGGI ANCHE >>> Inter, lo sgarbo di Fabio Paratici che fa tremare i tifosi

Secondo quanto riportato dal Daily Mail, infatti, Ivan Perisic e Milan Skriniar sarebbero i due nomi messi nel mirino da Paratici per rinforzare la rosa degli spurs. Da capire quanto Beppe Marotta sarebbe disposto a trattare le cessioni, che potrebbero rientrare nell’ottica di quella fase di ridimensionamento in grado di ridare fiato alle casse del club.