Sergio Ramos aveva detto sì al rinnovo: la sorprendente risposta del Real

Sergio Ramos contrasta Havertz
Sergio Ramos e Havertz (Getty Images)

Sergio Ramos ha tenuto una conferenza stampa dove ha spiegato il mancato rinnovo contrattuale con il Real Madrid.

Nel calcio, così come nella vita, pochi rapporti durano per tutta la vita. Oggi è la giornata dell’addio di Sergio Ramos al Real Madrid. L’ufficialità del divorzio è arrivata nella serata di ieri con un annuncio del club spagnolo. Il difensore lascia i Blancos dopo ben 16 anni e dopo aver vinto ben 22 trofei, tra cui 5 campionati spagnoli e 4 Champions.

Il difensore, in lacrime, ha dato il suo addio al Real Madrid in conferenza stampa: “E’ arrivato il momento, uno dei più difficili della mia vita, di dire addio a questo club. Ero un ragazzino quando sono arrivato, questo club per me è una vera famiglia. Adesso ci sarà una nuova sfida dove voglio dimostrare ancora le mie qualità. Questo è solo un arriverderci, prima o poi tornero”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Florentino Perez scende dall'auto
Florentino Perez (Getty Images)

Sergio Ramos saluta il Real Madrid in lacrime

Sergio Ramos ha spiegato i motivi del divorzio: “Ho sempre voluto restare al Real Madrid. La dirigenza durante il primo lockdown mi ha offerto il rinnovo, ma a causa della Pandemia è slittato. La proposta era di un anno di contratto con il taglio dello stipendio. Il problema non era l’ingaggio, ma la durata del contratto. Volevo serenità sia per me che per la mia famiglia. Successivamente ho accettato, ma mi è stato riferito che l’offerta non era più valida e questo mi ha sorpreso perché stavamo ancora negoziando”.

LEGGI ANCHE >>> Milan e Real Madrid continuano a fare affari sul mercato

Il giocatore, al termine della conferenza stampa, si è soffermato sul suo futuro: “Non ho mai pensato ad un’altra squadra. A gennaio ho ricevuto delle chiamate, ma ho sempre voluto solo il Real Madrid. Cercherò la miglior opzione per me e sto considerando anche un possibile ritorno al Siviglia. Barcellona? No secco.  Non importa dove, ma con chi giocherò. Sono triste per non essere all’Europeo, ma lavorerò per tornare al top”.