La Juventus alle prese con il Covid: un positivo, squadra in isolamento

Juventus, Agnelli scoraggiato
Andrea Agnelli (Getty Images)

Brutta notizia per la Juventus: Rafia è risultato positivo al Coronavirus. L’intera squadra si trova in isolamento fiduciario, in attesa di nuovi test.

Il Covid torna a colpire la Juventus. A risultare positivo al tampone, in queste ore, è stato Hamza Rafia. Alla luce di quanto accaduto l’intera squadra si trova in isolamento fiduciario, in attesa degli ulteriori test che avranno luogo a breve. La notizia è stata ufficializzata dal club bianconero, attraverso un comunicato stampa diffusi sui canali social e nel sito internet.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Rafia esulta
Hamza Rafia (Getty Images)

Il Covid colpisce la Juventus: positivo Rafia, squadra in isolamento

Lo scorso anno il virus aveva contagiato Paulo Dybala e Matthijs de Ligt. Ora alla lista si aggiunge il tunisino classe 1999 che in questi giorni si sta allenando sotto gli occhi del tecnico Massimiliano Allegri. Nella nota, in particolare, si legge “Juventus Football Club comunica che, nel corso dei controlli previsti dal protocollo in vigore, è emersa la positività al Covid 19 del giocatore Hamza Rafia. In ossequio alla normativa e in accordo con l’autorità sanitaria locale il gruppo squadra entra da oggi in isolamento fiduciario. Questa procedura permetterà a tutti i soggetti negativi ai controlli di svolgere la regolare attività di allenamento e di partita, ma non consentirà contatti con l’esterno del gruppo”.

LEGGI ANCHE>>> Serie A, caos Covid: i positivi salgono a 6, via all’isolamento

Aumentano quindi i casi in Serie A. All’Empoli, ad esempio, sono 6 mentre allo Spezia se ne contano 14 anche a causa della presenza in rosa di due atleti no vax. Proprio su questo tema, di recente, si era espresso il responsabile sanitario del Bologna Gianni Nanni: “I no-vax nelle squadre sono persone da redimere” aveva spiegato al ‘Resto del Carlino’. “Anche nel Bologna ci sono tre componenti del gruppo squadra che per ora hanno rifiutato il vaccino. Questi rifiuti nascono anche da Internet: molta gente legge cose non vere e viene condizionata”.