Il piano da 500 milioni che può cambiare per sempre la Serie A

Gravina riflette
Gabriele Gravina (Getty Images)

La Figc, con il piano “Project Fenice”, ha chiesto al Governo aiuti per rilanciare la Serie A messa in ginocchio dalla pandemia.

Finanziamenti per 500 milioni di euro (vincolati ad investimenti virtuosi) e agevolazioni fiscali tese ad alleggerire il costo degli stipendi dei giocatori. Sono alcune delle proposte pensate dalla Figc, presieduta da Gabriele Gravina, per salvare il calcio italiano. L’elenco completo è contenuto all’interno del piano dal titolo “Project Fenice”, inviato di recente al Governo Draghi. Proposte ritenute fondamentali, alla luce dei danni provocati dall’emergenza Coronavirus tuttora in corso.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Vezzali al microfono
Valentina Vezzali (Getty Images)

Serie A al collasso, la Figc chiede aiuto al Governo

In particolare, la pandemia ha causato ai club una perdita che si aggira sul miliardo di euro tra mancata vendita dei biglietti (-302 milioni), perdita di sponsor (-228) ed effetti sul calciomercato (-334). Un impatto devastante, si legge nella relazione consegnata al sottosegretario allo sport Valentina Vezzali, che ha contribuito ad aggravare i conti già in rosso delle società. Da qui, la richiesta all’Esecutivo di poter accedere a finanziamenti specifici da ridistribuire poi alla Serie A (360), alla Serie B (90) e alla C (60).

LEGGI ANCHE >>> “Proposta una fusione”, l’idea di Gravina per cambiare il calcio italiano

In cambio la Federazione ha proposto l’introduzione di un salary cap in modo tale da ridurre le spese e l’attivazione di un sistema di monitoraggio economico settimanale dei vari club. Nelle prossime ore la trattativa con il Governo entrerà nel vivo e ulteriori novità in merito sono attese nei prossimi giorni. Il tempo stringe però: la PWC, nella sua relazione allegata al piano, ha registrato la “non sostenibilità del sistema nel breve medio periodo”.