Dybala, il gesto in diretta é un messaggio alla dirigenza della Juventus

Dybala pensieroso
Dybala (Getty Images)

Un gesto eloquente, che rappresenta un messaggio per il club. Cosi Paulo Dybala in diretta dopo la rete contro l’Atalanta.

Sul futuro di Paulo Dybala mancano (ancora) certezze, anche se diversi tasselli si stanno posizionando in maniera definitiva, a comporre un quadre che va definendosi settimana dopo settimana. Certo, la firma non c’è e nemmeno l’accordo, ma che le parti stiano lavorando per trovare un’intesa, è una notizia ormai conclamata.

Le ultime ci dicono che tra il giocatore e la dirigenza della Juventus, le cose andranno avanti per le lunghe ma sembra ci sia una voglia concreta di continuare insieme. Oggi si è finalmente parlato di cifre, il che rappresenta un aspetto significativo all’interno di un discorso legato ad un rinnovo di contratto.

Le parti, però, si sono date il prossimo appuntamento a fine agosto. Ad oggi la Juventus deve concretare le forze sul calciomercato, visto che manca poco alla chiusura. Cosi, una volta chiusa la campagna di entrate ed uscite, la Vecchia Signora potrà dedicarsi concretamente alla questione Dybala. Nel frattempo l’entourage del giocatore avrà due settimane per analizzare la controproposta lanciata dal club.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI

Dybala
Dybala (Getty Images)

Dybala, il gesto è un segnale per la Juve

In questi minuti sta andando in scena l’amichevole tra Juventus ed Atalanta, l’ultima in vista del fischio d’inizio della prossima stagione. E ad andare in rete è stato, dopo appena 8′ minuti, proprio Paulo Dybala.

LEGGI ANCHE >>> L’infortunio che rovina i piani all’Inter di Simone Inzaghi

Il giocatore ha messo dentro la rete del vantaggio, e subito dopo si è lasciato andare ad un messaggio eloquente: esultando sotto la curva bianconera, infatti, il giocatore argentino ha preso la maglia proprio nel punto dove c’è lo stemma della Juventus, a voler rimarcare il suo legame con la piazza juventina.

Un messaggio rivolto evidentemente al club, una presa di posizione metaforica che era, però, già chiara già da diversi tempo. Adesso bisognerà risedersi al tavolo (alla fine del mese) e concentrare le forze per proseguire insieme anche la prossima stagione.