Donnarumma corregge Meret: “A Genova poteva agire diversamente”

I fratelli Donnarumma con Pioli
Antonio e Gigio Donnarumma con Pioli (Getty Images)

Le parole di Antonio Donnarumma, fratello di Gigio, sull’uscita di Meret durante Genoa-Napoli e sul futuro del fratello, oggi al PSG.

Mentre Gigio è volato a Parigi, sponda PSG, il fratello Antonio Donnarumma, a 31 anni, è al Padova. Con la squadra di Serie C ha siglato un accordo annuale lo scorso agosto per assumere la titolarità tra i pali. Ai microfoni di ‘Radio Kiss Kiss Napoli’, il calciatore è intervenuto parlando del momento dell’ex Milan ma anche di Alex Meret.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Antonio Donnarumma bacchetta Meret in Genoa-Napoli

Antonio Donnarumma in Udinese-Milan
Antonio Donnarumma, Milan (Getty Images)

All’emittente ufficiale del club azzurro Antonio Donnarumma ha commentato il fallo subito dall’estremo difensore del Napoli durante la sfida di campionato contro il Genoa. In particolar modo fa riferimento all’episodio della rete annullata alla squadra di Ballardini, quando Meret esce quasi verso il limite dell’area ruotando il corpo e finendo su Buksa. C’è allora un contatto tra il calciatore rossoblu e la gamba destra del portiere del Napoli. Di Bello aveva inizialmente convalidato la rete scaturita, ma il VAR ha invitato a rivedere l’azione, annullando così il gol del Genoa. Donnarumma commenta l’episodio: “Meret avrebbe potuto utilizzare i pugni per respingere il pallone. Se vai sulla presa, appena l’attaccante ti tocca perdi equilibrio ed è giusto che l’arbitro fischi fallo”.

LEGGI ANCHE >>> Italia, Mancini ‘fallisce’ la prova del 9

Piccola parantesi poi anche sul futuro di Gigio. Il suo legame col Milan resta speciale, nonostante l’addio amaro e contestato dai tifosi, eppure nel futuro piuttosto che un ritorno in rossonero potrebbe esserci una parantesi al Napoli“Gigio sarà sempre riconoscente al Milan e ne resterà sempre un tifoso. Se un giorno dovesse vestire la maglia del Napoli? A chi non piacerebbe? Siamo campani, tutti vorrebbero un giorno difendere i pali del Napoli“.