“Roba strana”: Allegri dubbioso sulla formazione col Chelsea

Allegri pensieroso
Allegri (Getty Images)

Domani ci sarà la gara tra la Juventus e il Chelsea ed Allegri ha parlato delle sue scelte di formazione ai microfoni di Sky Sport.

Dopo le due vittorie in campionato contro Spezia e Sampdoria, la Juventus domani sera affronterà il Chelsea all’Allianz Stadium nella seconda giornata della fase a gironi della Champions League. Le altre due squadre del girone sono lo Zenit e il Malmoe e il match di domani potrebbe già indirizzare la corsa verso il primo posto in classifica.

La Juventus dovrà fare a meno di Morata e Dybala che rientreranno dopo la sosta, mentre ha recuperato Rabiot che si è allenato con il gruppo oggi. Allegri ha presentato il match di domani ai microfoni di ‘Sky Sport’: “Chelsea? Entrambe le squadre stanno bene, domani sarà una grande partia. Sono molto solidi. Domani dovremo disputare una partita tecnica, di precisione di pazienza e difesa”.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Allegri pensieroso
Allegri (Getty Images)

Juventus, Allegri: “Ho provato alcune cose,ma ho in mente qualcosa di diverso”

Allegri poi non ha nascosto di avere qualche dubbio sulla formazione: “Ci sarà la difesa a tre o solo il duo Bonucci-Chiellini? Ho dei dubbi ed uno mi è venuto prorpio in mentre mentre venivo allo stadio perché è una roba un po’ strana. Può essere che stravolga un po’ la formazione. Rabiot? Sta bene, non sentiva nessun dolore alla caviglia”. Il tecnico toscano ha poi continuato il suo intervento:

LEGGI ANCHE >>>  Il grande elogio di Tuchel alla Juventus non è passato inosservato

“Kulusevski e Kean? Non so ancora chi scenderà  in campo, ci può essere anche  Bernardeschi. Ho provato alcune cose oggi, ma ho sensazioni diverse. Vedrò domani mattina. Match contro la Sampdoria? L’aspetto positivo di domenica è che siamo rientrati bene in campo dopo aver subito il gol a fine primo tempo. Abbiamo fatto bene contro la Samp, ma alcune cose le dobbiamo migliorare ancora. Dobbiamo essere più squadra e saper soffrire. Bisogna attaccare ogni pallone, non uscendo dalla gara”.