“E’ un grande problema”: Donnarumma, la sentenza è pesante

Donnarumma
Donnarumma (Getty Images)

Gigio Donnarumma anche al centro delle critiche dopo i fischi e gli applausi in Nazionale: ed ora il portiere è “un grande problema”

Gli applausi e i cori dopo i fischi. Torino accoglie con entusiasmo Donnarumma che dopo la contestazione di Milano ritrova il sorriso anche con la fascia di capitano della Nazionale. Questo però non basta per cancellare i dubbi sul suo conto, anche perché dopo le incertezze con la Spagna è arrivato il gol del Belgio in cui il portiere del Psg non è apparso esente da colpe. La palla gli è passata sotto le gambe in un’azione che ha alimentato le perplessità. Certo l’ex Milan non vive un grande momento: le tante panchine al Psg, l’essere sempre al centro delle attenzioni e sovente nel mirino delle critiche non può lasciarlo indifferente e si vede nelle sue prestazioni in campo. La sicurezza mostrata ad Euro 2020, quella che lo ha fatto eleggere miglior calciatore del torneo, sta scomparendo, lasciando lo spazio a incertezze non solite per lui.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Donnarumma
Donnarumma (Getty Images)

I dubbi su Donnarumma: “Oggi è un problema”

Proprio di Donnarumma parla il ‘Corriere della Sera’ in un articolo firmato da Mario Sconcerti dove si legge: “Oggi Donnarumma è un problema per se stesso, ha perso sicurezza, segno che dipende ancora dall’approvazione degli altri”. Non una bella cosa per chi deve fare della forza d’animo il suo più grande pregio: “Oggi è un ragazzo che ha bisogno di aiuto perché dimostra un limite emotivo”.

LEGGI ANCHE >>> “Vi svelo cosa ha fatto il Milan”: Donnarumma, la verità viene a galla

Un aspetto che non lo rende un grande portiere che si solito – scrive Sconcerti – “è un essere algido o non è. Donnarumma adesso non lo è”. Ed allora anche l’Italia di Mancini si trova a dover affrontare “un problema adesso che è grande come quello del centravanti”. Toccherà al tempo chiarire se si riuscirà a risolverlo: sarebbe un bene per la Nazionale e per Donnarumma.