“Lo fa con tre palloni”: Haaland, numero mai visto in allenamento

Erling Haaland in campo
Erling Haaland (Getty Images)

Erling Haaland ha mandato in tilt il web. Un numero da urlo duramente l’allenamento, ed i tifosi si sono scatenati.

Che Erling Haaland fosse l’attaccante del futuro (o del momento, va da sé), questo era un aspetto ormai conclamato. Il desiderio di mezza Europa, che vorrebbe mettere le mani sul centravanti del Borussia Dortmund per assicurarsi una vera e propria macchina da gol. Ma non solo, visto che Haaland rappresenta anche un profilo giovanissimo (appena 21 anni) eppure già indicato da tutti come il futuro concreto del calcio mondiale.

E come ogni predestinato, anche l’attaccante norvegese riserva ai suoi tifosi anche dei numeri molto particolari. Quelli durante i 90′ minuti, certo, che hanno posto Haaland al centro dell’attenzione già da anni, e che gli sono valsi anche le luci della ribalta a suon di gol. Ma ci sono anche altri tipi di numeri, quelli che si sono dietro le quinte e che lasciano tutti a bocca aperta.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Haaland, tre palle all’incrocio: il numeri ha scombussolato i social

Non è di certo il primo, Erling, a regalare veri e propri giochetti di prestigio al mondo del calcio. Magie, ne abbiamo viste fare da gente come Ronaldinho, o prima ancora Maradona, giocatori in grado di elevare il proprio talento mettendo in pratica dei numeri particolari, appunto, magici.

LEGGI ANCHE >>> La Fiorentina ha già scelto l’erede di Vlahovic: il piano viola

Ed in queste ore anche Haaland ha fatto centro in questo senso, con un video pubblicato sul profilo Twitter ufficiale della Bundesliga, che vede proprio Haaland protagonista. Prima l’ardua impresa di impilare tre palloni uno sopra l’altro, per poi calciare uno a volta ed infilarsi tutti all’incrocio dei pali, addirittura distruggendo il bersaglio apparentemente di legno.

I tifosi sono letteralmente impazziti, tra chi crede sia un fotomontaggio ben orchestrato e chi invece ha già cominciato a chiamare in causa Harry Potter ed il mago Merlino. Ma anche nel calcio, come nella magia, poco importa il trucco, l’importante è che il pubblico resti a bocca aperta. Ma Erling, questo, ha cominciato a farlo già da qualche tempo.