Giornata di transizione: Bari a picco, Sampdoria sempre più giù. I voti della 5′ di ritorno.

di Franco Avanzini
Queste le votazioni della quinta giornata di ritorno, squadra per squadra.
Bari voto 4.5: a questo punto la serie B è quasi sicura. Non combina granché ed il solo anziano Castillo prova ad impensierire Arcari.
Bologna voto 6.5: per una volta è Portanova a fare il Di Vaio. Malesani con molto ordine sta trainando la squadra verso la permanenza in serie A.                 Brescia voto 6.5: dopo Roma arrivano tre punti pesanti. Iachini si è presentato nuovamente al suo pubblico nel migliore dei modi.
Cagliari voto 5.5: doppio infortunio in 45 minuti ma anche qualche sbavatura in difesa e poca precisione in attacco.
Catania voto 5: tanto nervosismo, un solo tiro in porta pericoloso e troppa confusione. Perde un match importante della zona salvezza.
Cesena voto 5: senza tirare in porta difficilmente si segnano gol. Poco propositivo e schiacciato nella propria metà campo.
Chievo voto 6.5: prosegue il buon momento in casa clivense ed il punto strappato all’Olimpico ne è la prova. Squadra essenziale.
Fiorentina voto 6.5: sembra rigenerata ed è sulla strada buona per allontanarsi definitivamente dalla zona calda di graduatoria.
Genoa voto 6.5: tiene con la capolista e la difesa si dimostra molto efficace. Finalmente esce fuori la nota grinta di questa squadra.
Inter voto 7: prova di forza dei ragazzi di Leonardo anche se con qualche patema d’animo nel finale quando la Roma si rifà sotto.
Juventus voto 7: la rinascita o solamente una giornata in cui tutto gira per il verso giusto? Ai posteri l’ardua sentenza. Intanto è Matri-gol.
Lazio voto 6: si fa rimontare e non appare al massimo della condizione. Lo stesso Hernanes appare giù di corda, rete a parte.
Lecce voto 5: in 5 minuti rovina tutto passando dal 2 a 1 al 2 a 4. Una débacle clamorosa che nessuno si aspettava.
Milan voto 6: aveva la gara in mano ma si è fatto rimontare. Male nella ripresa quando ha attaccato senza nerbo e spesso commettendo troppi errori.
Napoli voto 6.5: vince senza soffrire troppo anche se non da il solito spettacolo a cui i tifosi erano abituati al San Paolo.
Palermo voto 6.5: double face. Male all’inizio, superato dal Lecce nel gioco e nel punteggio. Ottimo nel finale quando recupera il risultato ritrovando il gioco.        Parma voto 6: si accontenta di un gol straordinario di Amauri, poco fortunato ma anche ballerino dietro. Il punto comunque le va bene lo stesso.

Roma voto 6: tanta buona volontà e tanto coraggio. Segna due reti seppur sotto di un uomo e si illude di poter pareggiare. Cambiasso la rimanda all’inferno.       Sampdoria voto 5: sempre peggio ed ora pure invischiata nella lotta per non retrocedere. Surclassata nel primo tempo, meglio nel secondo.
Udinese voto 6.5: centesimo gol per Di Natale, un primo tempo sfavillante, una ripresa più tranquilla. La salita prosegue.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *