Diritti Tv, la Lega di Serie A pensa ad un suo canale per trasmettere le partite

diritti tvDIRITTI TV, LA LEGA DI SERIE A – I proventi dei diritti televisivi sono, al momento, la maggiore fonte di incasso economico per il nostro calcio. Senza quei soldi, quasi certamente, non partirebbe nemmeno il campionato. E’ per questo che si guarda con grande interesse alla prossima asta per il triennio 2018-2021. La ‘lotta’ sarà ancora tra Sky e Mediaset Premium, a meno di clamorose novità che potrebbero riguardare quest’ultima.

Secondo quanto riporta Il Corriere della Sera, infatti la Lega di Serie A sta attendendo la chiusura della diatriba ancora in corso tra Mediaset e Vivendi, in modo tale che all’asta non si presenti soltanto Sky come unico competitor, il che significherebbe che la tv di Murdoch potrebbe spendere sensibilmente meno rispetto agli anni precedenti. Ma la Lega avrebbe pronto un piano B piuttosto ambizioso: nel caso in cui la questione Mediaset-Vivendi non si risolvesse nel breve termine, la Lega avrebbe intenzione di creare un proprio canale i cui contenuti potranno essere distribuiti sia alle tv che alla reti a banda larga. In questo modo ci sarebbe più competizione, anche perché potrebbero affacciarsi altri soggetti, come ad esempio il gruppo Discovery.

Novità anche per quanto riguarda la Champions League: Mediaset si è già tirata fuori dalla corsa per la prossima asta, dato che nell’ultima ha speso parecchi soldi senza rientrare dall’ingente investimento. Per Sky dunque si prospetta un’acquisizione piuttosto semplice. Così anche per l’Europa League. Attenzione comunque all’inserimento sempre di Discovery e della Rai, che ha aumentato i suoi profitti dall’inserimento del canone nella bolletta elettrica.