Atalanta-Milan, Gasperini: “Con l’Inter la svolta”. Montella: “Punto molto prezioso”

ATALANTA-MILAN, LE PAROLE DEI DUE ALLENATORI-Dopo il match terminato per 1-1 tra Atalanta e Milan, sono intervenuti gli allenatori per rilasciare le solite dichiarazioni post-partita. Mister Gasperini, ai microfoni di Premium Sport, ha svelato le sue sensazioni: “Vogliamo arrivare in Europa senza fare i preliminari, e disputare un’Europa League in modo degno. La partita contro il Napoli è stata una svolta, poi ce ne sono state tante altre durante il campionato. Si pensava che questa squadra potesse calare da un momento all’altro e invece siamo in Europa con due giornate d’anticipo. La vittoria di Napoli ci ha dato la conferma di giocare per l’Europa. La sconfitta contro l’Inter? Altra svolta, visto che non abbiamo più perso, abbiamo avuto una reazione forte. Si parlava del mio esonero: non avevamo cominciato bene, ma la situazione non era irrimediabile. C’è la volontà di continuare a costruire qualcosa di solido e di importante. L’Atalanta è una società sana che ha un centro sportivo fantastico, ha comprato lo stadio, lavora bene con il settore giovanile”

Ai microfoni di Premium Sport, Vincenzo Montella ha elogiato la sua squadra: “E’ stata una partita equilibrata, loro sono in fiducia. Noi abbiamo sopperito con lo spirito, la voglia e la determinazione. Siamo meno brillanti rispetto all’inizio, ma non per motivi fisici. Sono orgoglioso di questo punto: il pareggio è giusto, buono per lo spirito della squadra. E’ un punto molto prezioso contro una squadra che ha fatto soffrire tutti. Tutto sommato, abbiamo concesso poco all’Atalanta”. Il tecnico napoletano ha parlato anche di Montolivo:” Ha fatto una grande prestazione, è un Nazionale italiano e capitano del Milan: con la sua esperienza ha guidato i compagni”. Prima di chiudere, Montella ha trattato anche il tema futuro: ” Il mio unico pensiero è quello di allontanare il futuro, con la società stiamo programmano la tournée. Mi sento l’allenatore  del Milan anche in vista del prossimo anno. Sono fortunato: alla mia età alleno il Milan e mi sento parte integrante con il pubblico”