Inter, Spalletti sulla corsa Champions: “Siamo rimasti in 5. Milan? In ritardo”

Inter, calendario in discesaINTER, SPALLETTI SULLA CORSA CHAMPIONS – L’obiettivo primario dell’Inter per questa stagione è indubbiamente quello di tornare in Champions League. Per farlo, bisognerà classificarsi tra le prime 4. L’avvio di stagione nerazzurro è andato oltre le aspettative: l’Inter infatti è ancora imbattuta e a ridosso di Juve e Napoli.

CORSA CHAMPIONS RISTRETTA

L’allenatore Luciano Spalletti pero’ non vuole sentire parlare di scudetto. In occasione della cena benefica in ricordo dei giovani Riccardo Neri e Alessio Ferramosca annegati qualche anno fa nel lago di Vinovo, l’allenatore dell’Inter ha voluto dire la sua sulla corsa Champions: “Ormai siamo rimasti in cinque. La Roma è tornata dentro dopo un inizio negativo. E la Lazio è dentrissimo”, queste le sue parole riportate da La Gazzetta dello Sport. L’allenatore di Certaldo si sofferma sul ritardo del Milan: “Ha un ritardo pesante. Inaspettato. Ma nella mia carriera ne ho viste di grandi rimonte. Io stesso quando sono arrivato alla Roma avevo 5-6 punti di ritardo da molte squadre. Alla fine, dopo solo un girone, quelle squadre avevano 7-8 punti di ritardo da noi”.

SULLA ‘FORTUNA’ DELL’INTER

Si è parlato nelle scorse settimane di un’Inter fortunata, ma Spalletti tiene a ribadire che non è così: “Mi dispiace che ora nessuno parli più di Inter fortunata. Forse sono stati i dieci pali che abbiamo colpito”. L’Inter sembra a corto di soluzioni in panchina, il suo allenatore spiega perché punta sempre sugli stessi uomini: “Presto arriveranno i turni infrasettimanali di campionato. Quindi anche noi dovremo puntare sui titolari che oggi giocano poco. Ma che non ho dimenticato. Si cambiano le cose che non funzionano e l’Inter in questo momento funziona”.

Si parla anche di calciomercato, con il sempre più probabile arrivo a gennaio di Ramires: “Mi chiedete della voglia di giocare di Joao Mario e ora mi proponete l’arrivo di un altro che potrebbe togliere spazio al portoghese. Mi volete mettere male con il mio giocatore?”. Infine qualche parola su Giampiero Ventura, ct della Nazionale: “Vincerà restando se stesso. Alla faccia delle critiche che gli sono state rivolte. Abbiate fiducia in Ventura. La sua Italia sa gestire le tensioni”.