Al 91′ esulta il Chievo: Thereau lo porta ai quarti di finale. Udinese sconfitta in Tim Cup

Il Chievo all’ultimo respiro supera l’Udinese 2 a 1 qualificandosi ai quarti di finale di Coppa Italia dove troveranno il Siena. Centrocampo affidato a Fernandez per i padroni di casa mentre gli ospiti presentano Cruzado dietro al duo Paloschi-Moscardelli. Subito Abdi prova a sfondare centralmente ma la difesa clivense libera senza difficoltà.  Fabbrini quindi prova l’assist per Di Natale ma la palla è troppo corta e l’azione sfuma. Quindi è Puggioni ad intervenire in anticipo sul lanciato Pasquale. Alla prima discesa del Chievo però arriva la rete del vantaggio. E’ l’8′. Ekstrand ribatte maldestramente una conclusione ospite, la sfera arriva a Sammarco che non ha difficoltà a battere Handanovic. La reazione dell’Udinese è affidata a Di Natale che calcia, la difesa ribatte interviene Sissoko che calcia però a fondo campo. Chievo ben chiuso dietro che non da spazi agli avanti friulani. al 16′ Di Natale in contropiede viene lanciato alla perfezione ma la sua conclusione in diagonale finisce fuori. Ospiti che replicano subito con Moscardelli murato in area di rigore. Al 18′ è grande Handanovic nell’ipnotizzare Paloschi giunto solitario davanti al portiere. Errore che può costar caro da parte dell’attaccante veneto. Fatica l’Udinese a riproporsi in attacco. La difesa messa in campo dal tecnico ospite Di Carlo sta funzionando. Non è la giornata di Paloschi: il giovane bomber ex Genoa e Milan infatti si divora il 2 a 0 dopo essersi presentato ancora tutto solo davanti ad Handanovic. Il portiere gli smorza la conclusione. La compagine di Guidolin cerca di far scoprire il Chievo per coglierlo in contropiede ma sinora la tattica non funziona troppo. Di Natale viene anticipato dal numero uno Puggioni sul lancio di Abdi. Primo giallo poco dopo la mezzora per Dramé per gioco scorretto. Finalmente arriva la prima vera occasione per l’Udinese. E’ di Ekstrand il colpo di testa sul quale vola Puggioni deviando la palla. Parata davvero dall’alto livello di difficoltà. Ancora Chievo al 38′ con Moscardelli che sfonda e calcia verso il centro dell’area. Interviene Pereyra che devia la sfera sull’esterno della rete rischiando l’autogol. Tre minuti dopo Di Natale sfiora l’1 a 1 deviando un cross di Pereyra. Sfera di un soffio a fondo campo. E’ l’ultima occasione del primo tempo che si chiude col vantaggio veneto per 1 a 0. Paloschi impreciso sotto porta, friulani poco propositivi in attacco.

Ripresa che inizia zon due cambi in casa Udinese. Entrano Basta e Floro Flores al posto di Pereyra e Fabbrini. L’attaccante prova subito la conclusione da fuori area mandando la sfera però a fondo campo. Puggioni subito chiamato in causa. Prima blocca un tiro cross di Sissoko quindi si salva con una mano sulla conclusione a botta sicura di Di Natale che gli si era presentato dinanzi tutto solo. Pasquale quindi prova il cross sul quale Di natale cerca l’avvitamento mancando la palla. Udinese avanti tutta e Chievo un pochino in difficoltà in difesa. Ospiti comunque che quando riescono ad avanzare sanno rendersi pericolosi. Come al 9′ quando Danilo anticipa Paloschi sotto porta dopo un bel traversone di Moscardelli. Ancora Handanovic a salvare la squadra di casa con un prodigioso intervento sulla conclusione di Sardo. Il giocatore clivense poco dopo viene ammonito per gioco scorretto. Stessa sorte per Ekstrand al quarto d’ora e Cruzado un attimo dopo. Al 19′ Abdi sfiora il pareggio con un tiro dalla distanza, pallone di un nulla a fondo campo. Due minuti dopo tocca al portiere Puggioni esaltarsi sul tiro in mezza girata di Floro Flores. Di Carlo quindi sostituisce Moscardelli con Thereau. Pericoloso Floro Flores con un tiro dal dischetto del rigore sul quale Puggioni si esalta ancora. Sembra una sfida nella sfida quella tra il portiere veneto e l’attaccante campano dell’Udinese. Al 28′ Di Carlo si copre togliendo Paloschi ed inserendo Mandelli. Guidolin allora manda dentro Torje togliendo Ferronetti. Friulani con il 4-3-3 con pressing altissimo. E lo sforzo viene premiato al 39′ con il pareggio messo a segno da Di Natale. L’attaccante batte Puggioni con una magia su punizione calciata da 25 metri circa. Al primo minuto di recupero però Thereau riporta avanti il Chievo, servito con un passaggio filtrante di Vacek che lo ha posto davanti ad Handanovic. Nessun problema per il francese nel battere l’estremo difensore bianconero. E’ il gol partita con il quale la squadra di Di Carlo passa ai quarti di finale anche perchè Puggioni salva il risultato sulla conclusione di Fernandez da pochi passi deviando la palla coi piedi.