Inter-Shakhtar, occhi su Taison: il brasiliano che reagì al razzismo

taison inter shakhtar
Taison (Getty Images)

Taison si prepara a trascinare lo Shakhtar in vista della super sfida di questa sera contro l’Inter. Occhio alle sue qualità tecniche e alla grande imprevedibilità nell’uno contro uno.

Un giocatore totale, abile sia in fase offensiva, ma utile anche in fase di non possesso e impostazione del gioco. Taison, fantasista classe 1988, proverà a pungere la difesa nerazzurra con le sue doti tecniche e con la sua capacità di saltare l’uomo con costanza e grande naturalezza.

Il capitano degli ucraini cercherà di suonare la carica in vista dell’appuntamento di questa sera, ricordando che lo Shakhtar potrebbe accedere agli ottavi di finale vincendo contro i nerazzurri o addirittura pareggiando. Detto questo, analizzando il match da un punto di vista tattico, Taison potrebbe mettere in serie difficoltà le avanzate di Hakimi -o Darmian- costringendolo a una fase di ripiego costante, aspetto che potrebbe inguaiare i piani nerazzurri. Ecco perchè l’Inter dovrà tenere alta la concentrazione sull’esterno offensivo brasiliano.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

taison inter shakhtar
Inter (Getty Images)

Taison contro il razzismo, quella volta che il brasiliano reagì agli insulti

Non solo calcio giocato: il giocatore brasiliano, come noto, nella passata stagione, fu protagonista di un chiaro caso di razzismo. Taison, durante la sfida tra Dinamo Kiev-Shakhtar venne bersagliato da dei cori razzisti. Il giocatore reagì scagliando il pallone verso i tifosi avversari e mostrando loro il dito medio, prima di lasciarsi andare a un pianto liberatorio di totale sconforto.

LEGGI ANCHE>>> Inter-Shakhtar Donetsk, probabili formazioni: Eriksen dal 1′, dubbio Hakimi

Il giocatore poi decise di esprimere il suo punto di vista in maniera ferrea: “Lotterò sempre per il colore della mia pelle”. Ritornando alla sfida di questa sera, Taison, in conferenza stampa, ha confermato la voglia di spingere il piede sull’acceleratore per cercare di portare a casa l’obiettivo qualificazione:Non siamo una squadra difensiva. Giocheremo come contro il Real Madrid, in casa e a Valdebebas. Proveremo a sbagliare il meno possibile”. L’Inter è avvisata, occhio a Taison!