Serie A, la top 11 della giornata 25: da Musso a Sanchez, l’anima è sudamericana

Juan Musso in campo
Juan Musso (GettyImages)

In attesa di Lazio-Torino ancora sub judice, nella nostra top 11 della giornata 25 l’anima è sudamericana, dal portiere argentino Musso alla doppietta del cileno Sanchez.

L’Udinese, protagonista di una grande prestazione a San Siro contro il Milan, ha sfiorato la vittoria. L’anima della squadra di Gotti è sudamericana, l’argentino Musso è caduto solo sul rigore di Kessie e il difensore brasiliano Rodrigo Becao è stato dominante in fase difensiva oltre ad aver segnato il gol del vantaggio.

L’Inter, abituata a giocare una volta a settimana, a Parma è stato meno brillante rispetto alle ultime prestazioni ma ha dimostrato di avere delle alternative valide all’undici titolare.

Il cileno Sanchez, altro protagonista dell’anima sudamericana della nostra top 11, non faceva una doppietta da Crystal Palace-Manchester United 2-3 del 28 dicembre 2017.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Da Musso a Gosens, la difesa di SerieANews

Musso ha resistito fino al 95′, nella memoria di tutti gli appassionati che hanno visto Milan-Udinese c’è la doppia parata su Meitè (con l’aiuto della traversa) e Kessie.

L’Udinese ha la miglior difesa dal nono posto in giù, subendo addirittura meno gol di una big come la Roma anche grazie alle parate di Musso, il portiere argentino che piace tanto all’Inter per il futuro post Handanovic.

Il Verona come l’Atalanta ha nelle corsie laterali, nei quinti una grande risorsa per la sua filosofia di calcio. Faraoni a Benevento ha segnato il suo secondo gol stagionale, a referto ci sono anche quattro assist decisivi.

Juric e Gasperini valorizzano tantissimo gli esterni, non è un caso che Gosens abbia fatto ancora gol contro il Crotone. L’esterno tedesco è a quota 10 gol stagionali e sei assist, si tratta di numeri impressionanti quando mancano ancora tante partite alla fine della stagione.

LEGGI ANCHE >>> Il gioiello da cinquanta milioni che la Juventus vuole soffiare all’Atalanta

Gosens nelle ultime cinque gare di campionato ha “bucato” solo Cagliari, è andato a segno contro Torino, Napoli, Sampdoria e Crotone.

Sulla scia dei goleador c’è anche la coppia centrale: Becao, che ha vissuto una grande notte a San Siro, e Rugani, anima delle due vittorie del Cagliari contro Crotone e Bologna, giunte con la porta inviolata.

Chiesa porta palla
Federico Chiesa (Getty Images)

Da Chiesa ad Insigne, qualità e sostanza nella mediana di SerieANews

La Juventus è riuscita a battere lo Spezia, il Napoli si è fatto raggiungere dal Sassuolo all’ultimo istante dopo aver rimontato dal 2-1 al 2-3.

A trascinare le due squadre ci sono due esterni offensivi: Federico Chiesa e Lorenzo Insigne. Il loro rendimento è una speranza anche per la Nazionale in vista dell’Europeo.

Chiesa, dopo il gol al Porto, è andato a segno anche contro lo Spezia, le sue prestazioni sono sempre d’altissimo livello. In una squadra che talvolta tende ad essere piatta nella proposta offensiva, Chiesa fornisce accelerazioni, intensità, velocità di pensiero e ritmo.

Insigne ha messo lo zampino in quattro delle ultime sette reti realizzate dal Napoli, al Mapei Stadium contro il Sassuolo è stato il trascinatore della rimonta poi vanificata dal fallo da rigore di Manolas su Haraslin.

Diawara contro la Fiorentina ha giocato la seconda gara in campionato da titolare, non scendeva in campo da titolare dalla prima giornata contro il Verona. Amadou ha realizzato il gol della vittoria per la Roma, un’iniezione di fiducia per il futuro poichè a causa dell’infortunio di Veretout troverà molto più spazio.

LEGGI ANCHE >>> Roma, un duro colpo per Fonseca nella corsa Champions

Il Parma ha perso contro l’Inter ma non molla, come contro lo Spezia e l’Udinese le prestazioni della squadra di D’Aversa sono state buone.

I gol non mancano, nonostante le assenze di Gervinho e Cornelius, il Parma ha realizzato cinque reti nelle ultime tre gare. Due sono stati realizzati da Hernani, centrocampista centrale molto abile nei tempi d’inserimento.

Sanchez esulta
Alexis Sanchez (Getty Images)

Il genio di Ilicic, la classe ritrovata di Sanchez: i bomber di SerieANews

Gasperini ha sintetizzato le magie di Ilicic contro il Crotone con questo commento: “Quando fa così, è un professore”. Considerando i problemi avuti dall’attaccante sloveno, i numeri sono importanti: 6 gol e 8 assist tra campionato, Champions League e Coppa Italia.

Contro il Crotone Ilicic ha servito l’assist a Gosens per il gol che ha sbloccato la partita e realizzato una rete fantastica, una perla di sinistro che rappresenta uno dei colpi più belli del suo repertorio.

L’Atalanta è attesa da un ciclo importante: lunedì affronta l’Inter a San Siro, venerdì a Bergamo c’è l’incrocio contro lo Spezia, la prova generale della trasferta di Madrid prevista per martedì 16 marzo.

LEGGI ANCHE >>> Inter fatica ma è fuga scudetto, superato un Parma coraggioso 

Sanchez non segnava una doppietta da tre anni e mezzo, esattamente da Crystal Palace-Manchester United 2-3 del 28 dicembre 2017.

L’attaccante cileno con il supporto di Lukaku ha risolto una partita complicata contro il Parma che era riuscito a mantenere la porta inviolata nel primo tempo.

(4-4-2): Musso; Faraoni, Rugani, Becao, Gosens; Chiesa, Diawara, Hernani, Insigne; Ilicic, Sanchez.