Serie A, la top 11 della giornata 32: dominano gli italiani

Raspadori Sassuolo top 11 giornata 32
Giacomo Raspadori (Getty Images)

In Serie A soltanto il 40% dei calciatori è italiano, c’è un’overdose di stranieri, nella nostra top 11 andiamo in controtendenza: nella giornata 32 dominano gli italiani.

Sette giocatori della nostra top 11 sono italiani, compongono la maggioranza della formazione. Una squadra ricca di storie: Provedel Terzi dello Spezia che resiste contro l’Inter, Cristante Mandragora trascinatori di Roma e Torino, Politano Insigne i volti-copertina delle magie del Napoli, Raspadori l’eroe del colpaccio del Sassuolo in casa del Milan.

Completano poi il gruppo De Ligt Alex Sandro, i difensori goleador della Juventus, Hakimi con il suo ennesimo assist per il gol di Perisic e Malinovskyi ancora a segno nell’Atalanta contro la Roma.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

Provedel top 11 32 giornata
Ivan Provedel (Getty Images)

Da Provedel a Terzi, domina lo Spezia che ferma l’Inter nella difesa di SerieANews

La nostra difesa premia lo Spezia che ha fermato l’Inter capolista. La squadra di Italiano consegue la seconda vendetta nei confronti della Superlega, dopo il Sassuolo che ha espugnato il campo del Milan.

Provedel ha dato il suo contributo allo Spezia, che ha portato a casa un punto prezioso. Ha salvato il risultato prima sul retropassaggio pericoloso di Ismajli e poi sulla grande occasione di Lautaro Martinez.

Fermare Lukaku non è assolutamente facile, lo Spezia ce l’ha fatta applicando bene la tattica del fuorigioco, con un po’ di fortuna e grazie all’ottima copertura del trentaseienne Terzi sul centravanti belga.

LEGGI ANCHE >>> Cuadrado pazzesco: (quasi) meglio anche di Pirlo in una statistica

Nel calcio, in cui le grandi squadre hanno bisogno di andare in ampiezza per superare la densità fatta dalle piccole, gli esterni bassi possono fare la differenza. Lo fa Theo Hernandez al Milan a sinistra mentre sulla fascia destra è devastante Hakimi che ha realizzato sei gol e sette assist.

La Juventus ha rimontato il gol del vantaggio del Parma grazie ai suoi difensori che si sono trasformati in attaccanti con il mestiere del gol. De Ligt Alex Sandro sono stati gli assoluti protagonisti del successo bianconero.

Cristante top 11 giornata 32
Bryan Cristante (Getty Images)

Cristante-Mandragora, il centrocampo tutto italiano di SerieANews

Il centrocampo di SerieANews per la giornata 32 è tutto italiano, Cristante non ha fatto solo il gol ma ha rappresentato una delle poche soluzioni anche quando la Roma era in balia dell’Atalanta. Fonseca l’ha posizionato qualche metro più avanti per schermare Malinovskyi, una soluzione che ha funzionato solo nei primi venti minuti, poi l’Atalanta ha preso le contromisure fino all’espulsione di Gosens.

Cristante ha fatto una gara da centrocampista, il suo vero ruolo, cercando più volte anche la palla lunga a scavalcare la difesa bergamasca. Il gol poi ha consentito alla Roma d’acciuffare il pareggio in una partita che a lungo sembrava destinata al dominio incontrastato dell’Atalanta.

LEGGI ANCHE >>> Serie A, la top 11 della giornata 31: la squadra “operaia” che risponde alla Superlega

Mandragora sta trascinando il Torino, a Bologna ha realizzato un’altra gara da leader e segnato uno dei gol più belli di questo turno infrasettimanale. Nicola ha piazzato una diga davanti alla difesa, sta dando alla squadra intelligenza tattica, qualità tecniche importanti, grande visione di gioco e colpi da maestro come il gol contro il Bologna.

Raspadori top 11 giornata 32
Giacomo Raspadori (Getty Images)

Da Politano a Raspadori, solo Malinovskyi è l'”intruso straniero” dell’attacco di SerieANews

Malinovskyi, dopo il gol contro la Juventus, va a segno anche contro la Roma e si conferma l’uomo-chiave di Gasperini fino all’espulsione di Gosens che cambia gli equilibri. Il trequartista ucraino è l’unico “intruso straniero” nella nostra top 11.

Politano sta vivendo la sua migliore stagione in carriera, è già ad undici gol complessivi, eguagliando quando mancano ancora sei partite i numeri che esprimeva ai tempi del Sassuolo. Sulla corsia destra l’ex Inter macina chilometri, va ad alta intensità, fa gol, mette costantemente in apprensione la Lazio.

Insigne è a quota 17 reti, punta anche lui a superare i numeri della sua migliore annata. Era la stagione 2016-17, la seconda con Sarri in panchina, segnò 20 gol considerando tutte le competizioni e 18 in campionato. All’attivo ci sono anche i nove assist ma è il contributo tecnico totale ad essere impressionante.

LEGGI ANCHE >>> Cosa fa Insigne? De Laurentiis ha già deciso

Si sacrifica in fase di non possesso, aiuta il Napoli a venir fuori dalla propria metà campo, fa il regista offensivo, gioca bene nel corto e nel lungo, prova anche di più il dribbling rispetto al passato.

Raspadori è l’eroe anti Superlega, mercoledì ha ricordato al Milan, uno dei club fondatori della “scissione fallita”, che Davide può battere Golia. Talento di ventuno anni, cresciuto nel vivaio del Sassuolo e diventato capitano della Nazionale Under 21, Raspadori ha realizzato una doppietta consentendo alla formazione emiliana di ribaltare il risultato dopo il gol di Calhanoglu.