Al Milan il derby. Decide Ibra su rigore. Inter giù di corda, Benitez a rischio.


di Franco Avanzini
Il Milan si aggiudica il derby della Madonnina grazie ad una rete in apertura dell’ex Ibrahimovic e mantiene il primato in classifica. E’ stata una gara in cui il Milan ha giocato meglio e l’Inter ha ufficialmente aperto la crisi. Inoltre ennesima tegola per Rafa Benitez che ha perso Obi per infortunio. Tre milioni e mezzo di euro, incasso record per il derby della Madonnina. Inter e Milan si affrontano con i nerazzurri che, dopo molti anni, sono dietro ai rossoneri. Sfida nella sfida quella tra Materazzi ed Ibrahimovic, Cambiasso e Pirlo vanno entrambi in panchina. C’è Snejider nell’Inter nonostante il malore dell’ultima gara e c‘è pure la riconferma di Obi. In campo vanno gli uomini più esperti, vedi Stankovic, così restano fuori sia Coutinho che Biabiany. Sull’altro fronte resta fuori Ronaldinho mentre a centrocampo ci saranno Ambrosini, Gattuso e Flamini. Gara fondamentale per Rafa Benitez che si gioca molto del proprio futuro. Il Milan parte subito meglio ed al 3’ Seedorf di testa manda la sfera alta sulla traversa, correggendo un cross di Abate. Lo scontro Materazzi-Ibrahimovic fa scintille da subito. Due minuti dopo, il terzino sbaglia sull’attaccante agganciandolo in area di rigore per un più che logico calcio di rigore. Dal dischetto va lo stesso Ibra che insacca non dando scampo a Castellazzi, è il primo gol da ex per lo svedese che, prima, mai era riuscito a segnare un gol alle squadre in cui aveva giocato. L’Inter prova a spingere ma il pallino del gioco resta comunque nella mani del Milan. Al 10’ Abate commette fallo su Eto’o e viene ammonito. Tre minuti dopo Ibrahimovic si invola su errore di Cordoba ma viene anticipato da un difensore all’ultimo istante con la sfera che viene bloccata in tuffo da Castellazzi. L’Inter rischia ancora con Seedorf anticipato all’ultimo da Materazzi ma è tutta la difesa che non riesce a trovare le giuste misure agli avanti avversari. Al 18’, dopo Abate, viene ammonito pure Gattuso per intervento in gioco falloso: fascia destra dunque già tutta ammonita. Intanto Ibrahimovic, intelligentemente, si allarga sulla sinistra e spara un diagonale al volo che finisce di poco alta sulla traversa. Nerazzurri che non riescono a crescere nonostante che il tecnico Benitez inviti i suoi alla calma ed a ragionare maggiormente. Milan che gioca in pratica sul velluto. Al 36’ si infortuna Obi (stiramento) ed al suo posto entra Coutinho. Un minuto dopo proprio il neo entrato scambia con Snejider e va al tiro ma calcia fuori. E’ la prima vera occasione creata dai ragazzi di Benitez. Al 40’ Snejider prova dalla distanza ma la conclusione termina di un soffio fuori dalla porta di Abbiati. La gara si chiude senza altre emozioni con il Milan avanti e l’Inter che dovrà rivedere i propri piani per non perdere la partita. Una sostituzione per parte nelle due squadre all’inizio della ripresa. L’Inter toglie uno spento Milito sostituendolo con Pandev mentre nel Milan entra la ’mente’ Pirlo ed esce Gattuso (a rischio rosso). Come nel primo tempo anche il secondo tempo parte con il Milan in avanti. A provarci è Seedorf ma la sua conclusione non è precisa e la palla termina fuori. Per i nerazzurri ci prova Snejider cercando il gol con un tiro dalla distanza ma la palla finisce fuori. Un minuto dopo è l’olandese milanista Seedorf a calciare sopra la traversa. All’11’ ancora Snejider protagonista con un tiro parato da Abbiati. Quattro minuti dopo la gara ha una svolta. Abate e Pandev vengono a contatto, l’arbitro interviene per placare i due estraendo il cartellino giallo. Per il milanista è il secondo e quindi lascia la sua squadra in dieci uomini. Allegri corre così ai ripari inserendo al posto di Robinho, il difensore esterno Antonini. La gara si incattivisce. Ibrahimovic entra duro su Materazzi e viene ammonito a sua volta. Il centrale interista non ce la fa ed esce sostituito da Biabiany. La partita prosegue senza grandi emozioni con l’Inter che non riesce ad arrivare alla conclusione. Il Milan decide al 28’ di inserire Boateng al posto di Seedorf.  Due minuti dopo Pandev prova a lanciare Eto’o in profondità che viene però colto in fuorigioco. Al 35’ viene ammonito anche Ambrosini per gioco falloso. L’Inter ci prova sino alla fine senza però troppo costrutto. Il Milan, seppur in dieci, si difende bene senza soffrire e porta a casa i tre punti che riportano i rossoneri in vetta alla graduatoria.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *