Ibrahimovic:”La MIA Inter non era così forte”, e intanto il Milan perde PATO!

A 48 ore dal derby a Milano si sente la voce di Zlatan Ibrahimovic. Lo svedese, l’uomo di sicuro più temuto dagli interisti, colui che con un gol zittirebbe in un sol colpo tutti i tifosi nerazzurri, si è espresso proprio sul suo passato all’Inter:”L’Inter oggi è una squadra compatta quando io ero lì era meno compatta e meno forte. Si diceva che i problemi dell’Inter dipendevano da me? Sicuro… Quando io gioco voglio prendermi più responsabilità possibili per portare la squadra alla vittoria. Quindi quando non si vince è inevitabile che si dica che è colpa di chi ha più responsabilità, quindi colpa mia. L’Inter è un bel ricordo, ma adesso gioco nell’altra squadra della città: quello è il passato, questo il futuro. Sono stato tre anni all’Inter e cinque in Italia – continua l’attaccante, 5 gol in questo campionato – avevo vinto davvero tanto. Quando senti di non poter più crescere, di non aver più gli stimoli giusti, vuoi avere qualcosa di nuovo. Qui ero arrivato al limite, è stato giusto cambiare per avere motivazione e adrenalina. E poi ho cambiato per andare in una squadra più forte…”.
Confronti e paragoni in questa intervista esclusiva rilasciata a Sky Sport 24.
Ibrahimovic poi si dice anche pronto ai fischi che accoglieranno il suo ritorno, da avversario, al San Siro. Anche se comunque sa bene cosa lo aspetta, visto che in quello stadio, con la maglia da avversario, ci è già entrato quando era lo scorso anno al Barcellona. La semifinale poi finì, come tutti ricordiamo, 3-1 per i nerazzurri, con lo svedese che uscì sconfitto dallo stadio.

PATO- Intanto i rossoneri continuano a perdere pezzi. Dopo Inzaghi, Allegri sarà costretto a rinunciare anche a Pato.
In giornata il brasiliano si è sottoposto ai controlli medici per venire a conoscenza dell’entità dell’infortunio rimediato nel match contro il Palermo.
Responso? lesione di secondo grado della giunzione miotendinea del bicipite femorale sinistro e 6 settimane di stop!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *