Bovo boom boom ed il Palermo vola. Ma quanta fatica per battere Arcari!

di Franco Avanzini
Soffre per 86 minuti il Palermo contro il Brescia poi ci pensa Cesare Bovo a regalare la vittoria ai suoi compagni. Lanzafame-Possanzini-Caracciolo in attacco nel Brescia per cercare di frenare il Palermo dei Pastore, Miccoli, Ilicic. Delio Rossi ritrova Bovo in difesa mentre nei lombardi Hetemay finisce in panchina. Mareco centrale per Dallamano è il cambio dell’ultimo istante per Mario Beretta. Inizio equilibrato con le due squadre che si contendono alcuni palloni a centrocampo. Pastore si fa ammirare al 3’ con una conclusione dalla distanza che Arcari devia a mani aperte. Ci prova anche Miccoli da fuori area ma la palla termina sopra la traversa. I rosanero sembrano aver preso in mano la partita. Punizione a sorpresa di Bacinovic e palla fuori. Quindi è Pastore di testa ad impensierire Arcari. Martinez sbaglia due rinvii consecutivi ma Balzaretti non ne approfitta calciando fuori in diagonale. Zebina scivola e da via libera a Miccoli che calcia con forza ma trova ancora Arcari che devia coi pugni. Solo Palermo e Brescia un po’ titubante ma la rete non arriva. Miccoli dalla distanza al 26’ manda la sfera sopra la traversa. Ammonito Caracciolo per fallo su Miccoli. Pastore viene atterrato in area di rigore ma per l’arbitro tutto è regolare, il fallo di Filippini sembrerebbe però esserci. Arcari in due tempi blocca un cross di Miccoli anticipando Munoz che stava tentando il colpo di testa. Viene sanzionato col ’giallo’ pure Lanzafame per gioco scorretto. Al 40’ il piccolo attaccante rosanero ci prova su punizione ma Arcari devia coi pugni. Sfortunato il Palermo al 45’ con un tiro di Pastore deviato da Zebina e pallone che va a lambire il palo alla sinistra di Arcari. La dea bendata non da una mano ai locali nel minuto di recupero: prima Munoz colpisce di testa la traversa quindi Miccoli conclude con potenza ma Arcari dice ancora una volta di no. L’assedio del Palermo nel primo tempo però non sblocca il punteggio ed il Brescia va negli spogliatoi aggrappato allo 0 a 0. I rosanero di casa ripartono all’offensiva anche i secondi 45 minuti i gioco. Ma al 5’ si fa vedere anche il Brescia con Lanzafame che cerca il tocco sotto alla palla ma Sirigu si fa trovare pronto. Entra Zambelli per gli ospiti ed esce Martinez. Aìndrea Caracciolo prova la magia dal limite dell’area di rigore con una conclusione a giro con la palla che va a sbattere sulla traversa. Berardi subisce il terzo giallo per i suoi a causa di un fallaccio su Cassani. Arcari si mette ancora in mostra deviando in tuffo un colpo di testa di Migliaccio a botta sicura. Beretta si chiude inserendo Hetemay al posto di Possanzini. Al 21’ Cassani dal fondo prova il tiro cross con la sfera che attraversa tutta la porta senza trovar alcuna deviazione. Pastore fa ammonire Hetemay con una sua giocata. Il neo entrato rischia poco dopo commettendo un ennesimo fallo ma l’arbitro lo grazia. Miccoli su punizione fa venire i brividi ad Arcari ma la mira non è giusta per pochissimo. Palermo che colleziona angoli su angoli (alla fine saranno circa 20) e Cordova che di testa sulla riga alza in angolo un tentativo di Munoz. Arcari insuperabile per gli attaccanti di casa come al 27’ quando Nocerino effettua un tiro cross con la palla che finisce di un soffio fuori.  I rosanero ci provano sino all’ultimo minuto attaccando a tutto spiano ma la stanchezza comincia a farsi sentire. Al 41’ però la gara si sblocca. Punizione di Bovo con parabola vincente che fa terminare la sfera in fondo al sacco beffando Arcari sul suo palo. Bacinovic viene ammonito dall’arbitro per un fallo su Caracciolo. Entra quindi Taddei ed esce Antonio Filippini.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *