Altro che Leonardo, lo Scudetto dell’Inter si chiama Julio Cesar!


L’attenzione è tutta spostata su Pazzini, che da debuttante segna due gol, conquista un rigore e porta a casa i tre punti.
Ma esattamente alla parte opposta del campo ieri c’era un altro debuttante: Julio Cesar: in Campionato, infatti, questo è il suo “esordio” nel 2011.
Para un rigore e salva almeno due volte il risultato, ed è solo il ritorno dopo tre mesi di assenza in Serie A.
E a pensare che il brasiliano non doveva neanche esserci. Julio Cesar, infatti, è stato chiamato a vestire la maglia titolare solo durante il riscaldamento, a causa di un piccolo infortunio a Castellazzi.
Che dire? Perfetto, o quasi. L’assenza del portiere più forte al Mondo è una, se non la più importante, delle cause che vedono ora l’Inter distante 9 punti dal Milan capolista.
Ma lui rientra e ruggisce: quando, sotto 1-2, Julio Cesar para un rigore su Pastore, la squadra riceve l’input necessario. Una voce che arrivava dell’interno dicendo:”Ed ora andiamo a vincerla”. E così è stato. Pazza Inter.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *