Sansovini-Immobile-Insigne: fermate quei tre, Pescara primo! Il Crotone sfiora il colpo al Menti di Castellammare

Terza di ritorno che si apre insolitamente alle 19 del venerdì con la sfida tutta meridionale al Romeo Menti di Castellammare di Stabia tra i gialloblù di Braglie ed il Crotone del nuovo tecnico Drago. A conferma di quanto succede spesso, con un interno a subentrare alla guida di una squadra (vedi Mangia a Palermo) il risultato è positivo, quasi sorprendente. Infatti i pitagorici strappano un pareggio, due a due, che lascia l’amaro in bocca, in quanto la rimonta campana è arrivata nei minuti finali. Il primo tempo si è concluso uno a zero per i calabresi con la rete al 25′ del brasiliano Caetano Calil Prosperi, che si ripete nella ripresa a un quarto d’ora dalla fine, entrambe le volte servito da uno straordinario Gabionetta. Il pareggio di Danilevicius arriva all’82’ di testa e riaccende le speranze degli stabiesi, che si lasciano all’esultanza a recupero inoltrato, grazie al solito immenso Marco Sau, alla tredicesima rete stagionale. Beffa scampata per la Juve Stabia, il contrario può dirsi per gli uomini di Drago, che può essere contento della prestazione e, alla lunga, anche del risultato inaspettato.
Il più atteso del giorno però è il match delle 21, all’Adriatico di Pescara, dove arriva il Modena. Primi venti minuti di calcio champagne per i delfini, con l’uno-due terribile Immobile-Sansovini (con l’immancabile apporto del folletto Insigne) che tramortisce i malcapitati canarini. Questi riaprono la partita con un bel diagonale Di Gennaro poco prima dell’intervallo. La perla della serata arriva dai piedi di Lorenzo Insigne al 57′: accentrandosi da sinistra come di consueto, l’attaccante scuola Napoli lascia partire un destro dalla distanza che supera un Caglioni non impeccabile e gonfia la rete. Seguono trenta minuti di ordinaria amministrazione del risultato per gli abruzzesi che, dopo quasi 15 anni, rivedono la testa solitaria della classifica (quinta vittoria consecutiva per Zeman); il Modena resta a un punto dalla zona calda, che probabilmente vedrà domani in caso di risalita delle concorrenti.