Conte Roma, arriva il no: “Oggi non ci sono le condizioni”

Conte Roma
FLORENCE, ITALY - NOVEMBER 12: Antonio Conte during the "Golden Bench" award at Centro Tecnico Federale di Coverciano on November 12, 2018 in Florence, Italy. (Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)
Conte Roma
(Photo by Gabriele Maltinti/Getty Images)

CONTE ROMA – Nella prossima stagione non sarà Antonio Conte ad allenare la Roma. E’ lo stesso ex ct azzurro a smorzare le voci delle ultime settimane, di un suo possibile approdo sulla panchina giallorossa. In una intervista a Walter Veltroni per la Gazzetta dello sport.

-> LEGGI ANCHE: Conte Roma, Totti a Le Iene: “Chiedete a lui se arriva”

Conte Roma, “non ci sono le condizioni”

“Mi sono innamorato della Capitale frequentandola nei due anni in cui sono stato ct azzurro. All’Olimpico senti la passione da parte di questo popolo che vive il calcio con un’intensità particolare, che per la Roma va fuori di testa, che vive per la Roma. Un ambiente molto passionale, che ti avvolge. Oggi le condizioni non ci sono ma penso un giorno, prima o poi, andrò ad allenare la Roma”.

Inter o Juventus

Tanti i temi trattati dall’ex ct azzurro, tra cui i rumors di un possibile ritorno a Torino, sponda Juventus. “I matrimoni per esserci devono essere da ambedue le parti. Penso che la Juve abbia iniziato un percorso e penso che siano molto contenti di Allegri che sicuramente ha continuato il lavoro, sta facendo molto bene. Un domani non si sa mai”. E sul futuro conclude. “Chi mi vuole – dice ancora il tecnico – sa che io devo incidere, con la mia idea di calcio e il mio metodo. Non sono un gestore, non credo che l’obbiettivo di un allenatore sia fare meno danni possibile. Se pensano questo, le società non mi chiamano. Io voglio incidere perché sono molto severo con me stesso. Poi ho un problema: la vittoria, che sento come l’obiettivo del mio lavoro”. E aggiunge “io devo avere la percezione di poter battere chiunque. Devo sentire che vincere è possibile. Altrimenti, senza problemi, posso continuare a restare fermo”.

Giovanni Cardarello