Come Milito e Zanetti, l’Inter diventa argentina per lo scudetto

inter conte de paul paredes gomez
Antonio Conte (Getty Images)

L’Inter diventa argentina per puntare al sorpasso al Milan in testa alla classifica: obiettivi sudamericani sulle orme di Zanetti e Milito

Uno, due, tre: l’Inter prova il rilancio perché lo scudetto è lì, ad un punto di distanza, la Juventus è dietro e il Milan rispetto ai nerazzurri non è una corazzata imbattibile. Conte ci crede e chiede rinforzi: uno, due, tre, tutti dall’Argentina per parlare la lingua che con Milito e Zanetti ha fatto sognare all’epoca di Mourinho. Un centrocampista per dare ordine e far rifiatare Brozovic: il pensiero corre a Paredes che potrebbe lasciare il Psg dove Eriksen sarebbe accolto a braccia aperte da Pochettino.

Scambio possibile per assicurare qualità ed esperienza alla mediana interista. Lì dove Conte vedrebbe bene anche Rodrigo De Paul. Il 10 dell’Udinese è capace di abbinare con uguale successo fase offensiva e difensiva, ha poi una caratteristica che rende felici tutti i tecnici moderni: può giocare, e bene, in diversi ruoli.

Tutte le news sulla SERIE A e non solo: CLICCA QUI!

inter gomez de paul paredes
Il Papu Gomez (Getty Images)

Inter, da De Paul a Gomez: Conte studia l’argentino

Per De Paul però c’è da convincere l’Udinese: la richiesta da 35 milioni di euro non facilita le cose sicuramente, ma per TuttoSport l’affare potrebbe essere impostato con la formula del prestito con obbligo/diritto di riscatto a fine stagione o addirittura nel 2022.

LEGGI ANCHE >>> Gomez, chi la spunterà? Le percentuali: non solo Inter, Juve e Roma

Tracce di trattativa come quelle per il Papu Gomez. La rottura con l’Atalanta è nota, così come la richiesta dei bergamaschi: almeno 10 milioni di euro ed allora l’occasione tecnica potrebbe non collimare con quella economica. Gomez ha 32 anni, ma anche i piedi per spaccare le partite: Conte lo accoglierebbe volentieri, Marotta vuole accontentarlo ma serve trovare il giusto equilibrio. Intanto l’Inter studia argentino: da Zanetti al Papu per aprire un nuovo ciclo vincente.