Di Natale fa 100 gol con l’Udinese. I friulani vincono ancora, 2 a 0 alla Sampdoria.

di Franco Avanzini
I 40 punti sono arrivati prima di quanto si pensasse. L’Udinese vince e, da questa sera, è virtualmente salva. Scherziamo? Affatto perché il suo tecnico Guidolin aveva messo in preventivo di arrivare il prima possibile alla salvezza. Adesso potrà guardare al futuro con l’ambizione di poter puntare all’Europa. Sull’altro fronte, la Sampdoria prende l’ennesima sconfitta come una mazzata per il proprio morale. La terza consecutiva, la squadra non segna da 5 gare consecutive e Di carlo adesso rischia la panchina. Rientra Sanchez nelle file di casa al fianco di un Di Natale che fa spaventare tutti per un piccolo problemino all’adduttore della gamba destra durante il riscaldamento. Pinzi va in panchina ed al suo posto gioca Abdi. Maccarone con Biabiany invece sono le due punte dei blucerchiati. Volta ancora in difesa al posto di Gastaldello. Tissone a centrocampo al posto dello squalificato Poli. In panchina Guberti. Subito Udinese pericolosa con un cross basso di Armero sul quale non riescono ad arrivare gli attaccanti. Lo stesso giocatore ci prova al 7’ trovando Curci pronto alla parata a terra. La risposta ospite è affidata a Biabiany che spara un diagonale che finisce sull’esterno della porta di Belardi. Uno-due tra Di Natale ed Abdi col centravanti che riceve palla in area ma viene anticipato all’ultimo dal ritorno di Volta. Al 16’ prima ammonizione per Lucchini per un fallo su Sanchez. La punizione viene battuta da Di Natale e di nuca perfetto intervento proprio del ‘Nino Maravilla’ che insacca per il vantaggio friulano. La Sampdoria prova a recuperaree esponendosi però ai contropiedi friulani ed al 40’ Scanchez vola verso l’area di rigore avversaria senza venir recuperato. Cede palla a Di Natale che evita un avversario e batte Curci con un rasoterra. E’ il suo centesimo gol con la maglia dell’Udinese. Grandi festeggiamenti per lui fuori e dentro del campo. L’arbitro Pierpaoli si vede costretto ad ammonirlo in quanto si era tolto la maglia. Un attimo dopo Volta subisce un giallo per fallo su Sanchez. Il cileno quindi lancia Isla che entra in area ma manda in diagonale la palla sulla traversa. Giusto prima del fischio di chiusura del primo tempo, ancora Di Natale ci prova ma la sua colombella su Curci in uscita finisce alta. E’ Udinese spettacolo, Sampdoria che rischia un’altra imbarcata. L’inizio della ripresa si apre come la fine della prima frazione: Sanchez lancia Di Natale che tira in corsa mandando la palla di un soffio a fondo campo. Sull’altro fronte cross di Biabiany per Koman che da centro area calcia però alto. Pericolosi gli ospiti all’8’ con una punizione di Ziegler che Belardi manda in angolo con un bel balzo. Armero mette giù Dessena in area ma per l’arbitro è tutto regolare. Cambio in casa blucerchiata, esce Tissone ed entra un esterno come Guberti. Si fa ammonire Abdi per gioco scorretto. Sanchez e Di Natale mettono in ansia Curci quindi il bomber dei locali al 20’ lascia il campo ed al suo posto entra Denis. Standing ovation per il giocatore da parte del proprio pubblico. Quattro minuti dopo Guberti prova la conclusione ma Belardi devia a terra. Di Carlo fa entrare quindi Macheda al posto di Maccarone. Cambio alquanto strano visto che la Sampdoria dovrebbe recuperare lo 0 a 2. Passano un paio di minuti ed arriva l’ultima carta per Di Carlo facendo entrare Mannini (fischiato dai tifosi di casa per una rete segnata qualche stagione fa quando vestiva la maglia del Brescia segnando nel momento in cui il gioco era fermo per un friulano a terra) per Dessena. La Sampdoria ci prova con un po’ più di caparbietà. Belardi evita che la palla lo beffi su Macheda. Al 34’ dentro Pinzi a marcare Mannini al posto di Abdi. Sfortunata la Sampdoria tre minuti dopo
con una traversa su una conclusione di Mannini dopo il servizio di Guberti. Sanchez ci prova dalla distanza ma Curci blocca a terra. Meglio la Sampdoria nella ripresa che però paga un primo tempo decisamente sotto tono. Guidolin quindi manda in campo Domizzi per Armero. L’Udinese tiene bene nei quattro minuti di recupero con la Sampdoria che prova a recuperare lo svantaggio ma le idee non sono molto chiare ed arriva l’ennesima sconfitta per i genovesi.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *